Home
E-learning: stato dell’arte e prospettive di sviluppo

26 Giugno 2003

E-learning: stato dell’arte e prospettive di sviluppo

di

Convengo presso l'Aula Magna dell'Università degli Studi di Milano, via Festa del Perdono, 7, a Milano, il 30 giugno 2003, dalle 9.30 alle 13.30

Durante il convegno verrà presentato l’Osservatorio ANEE 2003, ricerca patrocinata dal ministero dell’Innovazione e delle Tecnologie: la domanda e l’offerta dell’e-learning in Italia, nelle aziende, nella Pubblica Amministrazione e nelle Università.

Il Decreto Moratti-Stanca sui criteri di accreditamento dei corsi universitari a distanza del 17/04/03 ha suscitato polemiche nel mondo accademico e per reazione sta inducendo gli atenei ad interrogarsi in maniera puntuale sulle opportunità dell’e-learning per definire una propria strategia sostenibile. In realtà la domanda cui rispondere è ampia e potrebbe essere così formulata: quanto può essere utile e conveniente per un ateneo avvalersi dell’e-learning nelle sue varie declinazioni, in quali tempi e a quali costi e condizioni, al fine di riconfigurare le modalità e l’accesso alla propria offerta formativa per adattarla in maniera efficiente alla didattica della riforma, per aprirla ad un nuovo pubblico, a nuove tipologie di destinatari, in connessione con le esigenze del mondo professionale e nell’ottica della formazione continua.

Il Decreto punta sul corso di laurea a distanza e sull’università telematica come unica leva per l’innovazione didattico-tecnologica, per promuovere la competitività tra atenei, per creare un nuovo mercato: ma qual è il panorama reale dell’e-learning negli atenei italiani? L’Osservatorio ANEE 2003 analizza la domanda e l’offerta di e-learning in tutti i settori e inizia da quest’anno a tracciare un quadro della situazione anche all’interno degli atenei: emerge chiara la consapevolezza di non poter eludere la questione, ma in modo altrettanto evidente viene fuori la difficoltà di uscir fuori dalle esperienze pionieristiche isolate individuando una strategia istituzionale, il problema della carenza di strutture dedicate e di personale specializzato, la diffidenza verso metodologie poco sperimentate, il mancato riconoscimento per i docenti del tempo riservato alla didattica, la penuria di risorse economiche. Ma le criticità da indagare si manifestano anche verso l’esterno, per esempio nei tentativi non facili di impostare un possibile dialogo tra atenei e aziende, per la costruzione e gestione di un sistema di e-learning pensato per la formazione universitaria.

Dopo il convegno internazionale “E-learning: una sfida per l’università” e a poche settimane dalla pubblicazione del Decreto Moratti-Stanca sulle “università telematiche”, l’ateneo milanese offre nuovi spunti di riflessione e dibattito per la definizione di strategie sostenibili di e-learning nell’ambito universitario.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.