OFFERTA DEL GIORNO

Marketing in un mondo digitale in ebook a 4,99€ invece di 14,99€

Risparmia il 67%
Home
E le mamme imbiancano

16 Aprile 2012

E le mamme imbiancano

di

Neanche Internet è più quella di una volta. E pure qualche guru universalmente ritenuto degno di autorevolezza inizia dare segni di scollamento dall'evidenza delle cose.

Nielsen is wrong on mobile. Sì, Jakob Nielsen, il faro dell’usabilità, il guru del web design, l’autorità (finora) indiscussa che presenta il proprio rapporto sull’usabilità delle applicazioni e dei siti mobile da un sito che si chiama useit.com.

Nielsen raccomanda (in sintesi, di quasi trecento pagine) di creare siti mobile separati dai siti desktop, con autoridirezionamento per chi arriva sul sito desktop con un apparecchio mobile più link chiari da desktop a mobile e in senso opposto. Con una terza indicazione:

For small tablets (7-inch form factor, as in Amazon Kindle Fire) the ideal would be to create yet a third design optimized for mid-sized devices, though most companies can get away with serving their mobile site to Kindle Fire users.

Josh Clark, la mente dietro Global Moxie, ha lanciato il guanto di sfida dalle pagine di .net:

For all of Jakob Nielsen’s many great contributions to web usability over the years, his advice for mobile is just 180-degrees backward. His latest guidelines perpetuate several stubborn mobile myths that have led too many to create ‘lite’ mobile experiences that patronise users, undermine business goals, and soak up design and tech resources.

Mobile, scrive Clark, è inteso da Nielsen come se significasse solo e tradizionalmente sessioni per strada, con spazio ridotto di attenzione e tempi minimi di collegamento, su apparecchi penalizzati nell’interfaccia. Quando invece significa anche sessioni dal divano di casa o dalla sala riunioni, magari cercando informazioni critiche, con apparecchi che in molti casi possono fare cose fuori dalla portata di un computer tradizionale: si pensi alla realtà aumentata o all’interazione diretta sui dati via touchscreen.

Non esiste, come sembra presupporre Nielsen, un contenuto mobile e in quanto tale di serie B, da trattare in modo differenziato.

Dopo (lunga) lettura, il sottoscritto – che per Jakob Nielsen nutre ampia stima – ha deciso: i tempi sono cambiati. Il padre dell’usabilità, stavolta, ha proprio torto.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.