Home
Dall’America i computer di legno, l’ultima frontiera dello stile

25 Febbraio 1999

Dall’America i computer di legno, l’ultima frontiera dello stile

di

Dopo i colori dell'iMac, un'alternativa "naturale" alla triste plastica grigia che ha caratterizzato il mondo dei computer fino ad ora.

Il Salone del Mobile, in programma alla Fortezza da Basso di Firenze dal 6 al 14 marzo 1999, presenterà in anteprima per l’Italia una linea completa di personal computer carrozzati in legno prodotti dalla TechStyle, un’azienda di Denver (Colorado) che, grazie a questa idea, in pochi anni ha conquistato gli Stati Uniti.

Dedicati a persone con disponibilità economiche elevate, i computer di legno hanno trovato fertile mercato soprattutto nel mondo dei professionisti, ma si sono rivelati una soluzione ideale anche per i problemi di arredo domestico. Tastiere, mouse, monitor, cabinet e altoparlanti, una volta rivestiti di legno, acquistano, in effetti, un aspetto sofisticato assai più morbido e invitante e si intonano alla perfezione con i mobili di casa.

Studiati da esperti architetti e designer, i modelli rispettano le varie dimensioni dell’hardware (compresa l’ultima generazione di monitor ultra piatti) e sono disponibili in due versioni: la prima interamente in legno; l’altra, più economica, con inserti di legno.

Il listino della TechStyle offre una vasta selezione di materiali e rifiniture. Si può scegliere tra carrozzerie in ciliegio, quercia, rovere, castagno, noce fino ai legni di maggior pregio. Al Salone del Mobile di Firenze saranno esposti i modelli standard, in particolare quelli in legno di ciliegio, i soli che il momento sono disponibili in Italia.

TechStyle www.techstyle-com.com

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.