Fino al 2 marzo 📖 Risparmia il 20% sui LIBRI! 📖

Spedizione gratuita, sempre

Visualizza l'offerta ⇢
Home
Criptovalute e oltre: il nuovo web in cinque risposte

17 Gennaio 2023

Criptovalute e oltre: il nuovo web in cinque risposte

di

Le criptovalute non nascono dal nulla: hanno un mondo tecnologico intorno che va conosciuto per farne il migliore uso possibile ed evitare rischi eccessivi.

Cinque risposte sul mondo delle criptovalute

  1. Che cos’è la finanza decentralizzata
  2. Perché il mining di criptovalute è importante
  3. Come creare un NFT
  4. Come trovare lavoro grazie alle criptovalute
  5. Che cosa sono le criptovalute

1. Che cos’è la finanza decentralizzata

Immaginiamo di avere un’unica piattaforma globale aperta per tutti i servizi finanziari che utilizziamo: mercati azionari, risparmio, prestiti e assicurazioni. Immaginiamo che ognuno di questi servizi sia accessibile a tutti coloro che hanno una connessione Internet e uno smartphone. Bello, vero? I sostenitori della finanza decentralizzata (DeFi) cercano di rendere l’accesso ai servizi finanziari più egualitario per tutti.

Se da un lato le criptovalute hanno aumentato l’accessibilità e l’economicità delle transazioni transfrontaliere, la DeFi fa un ulteriore passo avanti: è una forma sperimentale di finanza che non utilizza intermediari finanziari centrali (banche, consulenti e borse valori) per offrire strumenti finanziari tradizionali, ma utilizza invece un approccio moderno e trasparente, garantito da smart contract operanti sulla blockchain.

Le piattaforme DeFi consentono di erogare rapidamente prestiti e mutui, prevedono i movimenti dei prezzi degli asset, garantiscono interessi simili ai conti di risparmio e il trading di criptovalute. L’intero ecosistema DeFi si basa su applicazioni decentralizzate, dette dApp o protocolli, che creano una rete finanziaria peer-to-peer sulla blockchain. L’analogia più adatta a comprendere il concetto è la struttura costruita dai mattoncini Lego. Come tali blocchi, ogni dApp può interconnettersi con tutte le altre. Le applicazioni più comuni della DeFi sono le seguenti.

  1. Stablecoin. Una criptovaluta legata a un asset slegato dalle criptovalute, come l’euro o il dollaro, con l’obiettivo di stabilizzarne il prezzo.
  2. Mercati di previsione. I mercati di previsione delle criptovalute sono protocolli DeFi che consentono a chiunque, indipendentemente da fattori arbitrari come lo status, la posizione o la nazionalità, di fare trading scommettendo sul risultato di certi eventi. Gli smart contract vengono eseguiti in modo autonomo e senza alcun contributo da parte delle autorità centralizzate non appena vengono soddisfatte determinate condizioni.
  3. Exchange decentralizzati (DEX). Gli exchange decentralizzati funzionano in modo simile agli exchange online che consentono agli utenti di scambiare, per esempio, euro in bitcoin. La differenza è che i DEX connettono gli utenti direttamente tra loro, in modo che possano scambiarsi criptovalute al volo, senza bisogno di un intermediario.
  4. Piattaforme di prestito. Le piattaforme di prestito si basano su smart contract che mirano a sostituire gli intermediari convenzionali, come le banche.

Per far riferimento a una caratteristica della DeFi, la componibilità, viene usato il termine Lego di soldi. Il concetto è semplice: la componibilità si riferisce all’interoperabilità dei protocolli DeFi, che si traduce in servizi e prodotti finanziari efficienti e creativi per gli utenti finali. Alcuni esempi di questi protocolli sono Aave, Yearn, Synthetix, Curve e RenVM (tra gli altri), i quali si uniscono per abilitare, elaborare e fornire nuovi prodotti finanziari possibili solo grazie alla DeFi. La natura aperta e senza autorizzazione dei protocolli DeFi consente di impilare più dApp per sbloccare incredibili rendimenti, erogare prestiti o contrarre prestiti che si ripagano da soli. Semplicemente utilizzando un’app sul cellulare, possiamo sfruttare le nostre criptovalute, utilizzandole come garanzia per ottenere un prestito o come base per concedere un prestito a un altro utente sulla rete decentralizzata. Sebbene questo scenario descriva un’applicazione semplice della DeFi, le possibilità per il futuro sono quasi illimitate. Alla fine, potremmo acquistare un terreno su una piattaforma DeFi utilizzando uno smart contract per un mutuo che specifica i termini di rimborso.

DeFi e smart contract

La DeFi elimina la necessità di contare su agenzie centralizzate, come consulenti, borse valori o banche, per supervisionare le transazioni finanziarie; pertanto, consente di eseguire transazioni immutabili in modo anonimo. È sicura, priva di interventi da parte di istituzioni finanziarie e altamente efficiente.

La DeFi è un’alternativa globale e open source ai tradizionali servizi finanziari centralizzati per un’ampia varietà di applicazioni. Non riguarda solo le criptovalute, come i bitcoin. Comprende strumenti sofisticati come smart contract e portafogli digitali basati sulla rete blockchain. La visione della DeFi consiste nel condurre tutte le transazioni finanziarie senza limitarsi a un particolare istituto finanziario centralizzato.

Che cos’è uno smart contract

Uno smart contract è un programma operante sulla rete blockchain che si esegue da solo in determinate condizioni. Gli smart contract sono molto utili nel definire le relazioni commerciali e le collaborazioni. Gli smart contract applicano i termini e gli accordi di un affare, eseguono transazioni finanziarie e fungono da contratti vincolanti, racchiusi nel codice del software. Possono essere scambiati e utilizzati dagli interessati senza la necessità di alcun servizio di intermediazione.

Gli smart contract e la DeFi consentono di effettuare transazioni dirette tra peer senza dover contare su canali terzi per garantire la transazione. Uno smart contract decentralizzato può sostituire i processi di approvazione e convalida della sicurezza forniti da questi servizi fidati di terze parti.

Quali problemi risolve la DeFi

La DeFi consente di effettuare transazioni finanziarie senza intermediari. Non è necessario conformarsi a normative bancarie o pagare commissioni per servizi legati alle transazioni finanziarie. La DeFi aiuta a eseguire transazioni sicure, aperte e anonime in modo decentralizzato, riducendo tutti i costi. Ecco alcuni dei principali vantaggi offerti dalla DeFi.

  1. Migliori opportunità per le piccole e medie imprese. Le piccole e medie imprese possono svincolarsi dai servizi bancari tradizionali, spesso eccessivamente restrittivi e costosi, e condurre invece affari attraverso transazioni e pagamenti peer-to-peer.
  2. Identità digitale unica. Nel 2017, circa 1,7 miliardi di persone non disponevano di un conto bancario, molte perché erano prive di un documento di identità adeguato. La DeFi e gli smart contract possono aiutare a risolvere questo problema, grazie agli ID digitali univoci.
  3. Mercati digitali. La DeFi aiuta a connettere acquirenti e venditori nei mercati comuni, senza il rischio di cedere informazioni sulla propria identità. Con la DeFi possiamo effettuare scambi diretti. La DeFi può aiutare a creare mercati locali e comunitari, in cui gli acquirenti possono trattare direttamente con i venditori senza pagare commissioni o royalty, normalmente addebitate da piattaforme come Amazon ed eBay.
  4. Tokenizzazione. Le criptovalute sono solo un esempio dei token che possiamo creare per l’uso sulla blockchain. Oltre a queste, ci sono gli utility token, i non-fungible token e perfino i token di sicurezza regolamentati.

Torna all’inizio.

2. Perché il mining di criptovalute è importante

In genere, criptovalute e blockchain operano sulla base di un registro decentralizzato. Nessun singolo sistema può controllare la generazione o l’archiviazione dei dati di una valuta. In teoria questo impedisce che la blockchain venga violata o che una qualsiasi entità possa controllare o manipolare le criptovalute. Il problema di questo modello è nella produzione: i computer che “minano” criptovalute. Questi computer ospitano anche la blockchain (vedi la prossima figura). Esistono due tipi di computer, quelli generici, come i computer Windows o Apple, e i computer progettati per eseguire solo un’applicazione specifica. Questi ultimi sono noti come ASIC (Application-Specific Integrated Circuit) e sono estremamente efficienti nell’esecuzione del loro unico compito.

Mining di criptovalute

Mining di criptovalute.

Come accade frequentemente nel capitalismo, una società si è affermata come miglior produttore di questi ASIC di criptovalute: il gigante cinese del mining di bitcoin Bitmain. Questa circostanza ha centralizzato la distribuzione della tecnologia blockchain, minacciando potenzialmente l’integrità della blockchain. Si teme che Bitmain possa raggiungere il monopolio della produzione di bitcoin. Come abbiamo già visto, l’immutabilità della tecnologia blockchain è minacciata solo se un’entità controlla il 51% del ledger. In un sistema decentralizzato ideale, i computer impegnati nel mining funzionerebbero in modo indipendente e sarebbe quasi impossibile hackerare più della metà di essi.

A Rockdale, Texas, una cittadina di 5.600 abitanti, due dei più grandi nomi del mining di bitcoin si stanno battendo per la quota di mercato e l’elettricità a basso costo. Bitdeer, un’azienda controllata da Bitmain, si trova a 650 metri di distanza da Riot Blockchain, una delle più grandi società di mining di bitcoin quotate in America.

Un altro grosso problema del mining di bitcoin è il suo consumo di energia. Nel febbraio 2021 la società Tesla di Elon Musk ha iniziato ad accettare i bitcoin come forma di pagamento. Pochi mesi dopo, Musk annunciò che Tesla non avrebbe più accettato i bitcoin come forma di pagamento, a causa dell’enorme quantità di energia utilizzata nel loro mining (nella prossima figura). Questo si ricollega agli ASIC, poiché il funzionamento di questi computer richiede molta energia, prevalentemente da combustibili fossili. In un anno questi computer consumano più energia dell’intera Svezia. Spostare il consumo energetico del mining di bitcoin verso combustibili a basso impatto è difficile, a causa della natura decentralizzata dei bitcoin; è impossibile imporre un’energia verde quando nessuno governa il mining di bitcoin.

Confronto del consumo di bitcoin rispetto a quello di vari Paesi

Confronto del consumo di bitcoin rispetto a quello di vari Paesi. Bitcoin consuma circa metà dell’elettricità del Regno Unito. Fonte: Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index. © FT.

Entrambi questi problemi possono essere risolti da un sistema noto come Proof-of-Stake. Il modello originale di bitcoin è chiamato Proof-of-Work (PoW) e richiede enormi quantità di energia per alimentare la potenza di calcolo (nella figura che segue).

Criptovalute: Proof-of-Work vs Proof-of-Stake

Proof-of-Work vs Proof-of-Stake.

La Proof-of-Stake evita il calcolo ad alta intensità energetica richiesto dalla Proof-of-Work e chi esegue il mining di criptovalute può estrarre o convalidare le transazioni in blocchi in base alla quantità di valuta che detiene. Quando un individuo vuole effettuare una transazione, chi paga e chi deve ricevere immettono una certa quantità di valuta in una sorta di deposito di garanzia. Anche altri utenti, indipendentemente dalla transazione, inviano i propri fondi, e i loro computer verificano ogni blocco presente nella blockchain. Se viene rilevato un errore, significa che qualcuno ha tentato di fare qualcosa di fraudolento e la rete si distribuisce la quota di partecipazione di quell’utente.

Torna all’inizio.

3. Come creare un NFT

Esistono vari modi per avvicinarsi alla creazione di un NFT. Chi abbia esperienza nello sviluppo di smart contract ERC, potrà tranquillamente scrivere uno smart contract basato sullo standard ERC-721. Tuttavia, molti artisti che cercano di coniare una loro opera d’arte in NFT non sono sviluppatori di software, ed è qui che entra in gioco l’utilizzo di un marketplace NFT.

Esistono diversi marketplace NFT, i quali offrono un ambiente intuitivo che consente anche ai puri artisti di coniare tutti i tipi di NFT senza entrare in contatto con le attività di programmazione. Come le piattaforme stile WordPress, che offrono gestori di contenuti web, un marketplace NFT fornisce agli artisti una dashboard di facile utilizzo.

Vediamo passo dopo passo il processo di creazione di un NFT su Rarible. Esistono diversi marketplace NFT, ma Rarible è forse il più popolare e facile da usare.

Basta andare sul sito Rarible e fare clic su Sign In. Avremo diverse opzioni per il tipo di wallet. Per questo esempio useremo il wallet Metamask (in figura qui sotto).

Installazione di MetaMask per Chrome

Installazione di Metamask per Chrome.

Se non è già stato installato Metamask, verrà chiesto di installarlo.

Facciamo clic sul pulsante Add to Chrome per installare Metamask (nella prossima figura), quindi facciamo clic su Add extension. Metamask verrà installato dietro le quinte. Al termine dell’installazione, avremo la possibilità di importare il nostro wallet Metamask esistente oppure di crearne uno nuovo (nella seconda figura).

Aggiunta di MetaMask a Chrome

Aggiunta di Metamask a Chrome.

Importazione o creazione di un nuovo wallet Metamask

Importazione o creazione di un nuovo wallet Metamask.

Creiamo la nostra password (nella figura sottostante), assicurandoci di fare tutto il necessario per non dimenticarla. Seguiamo anche il video sulle istruzioni per proteggere il nostro wallet. In particolare, prendiamo nota della frase segreta per il recupero del wallet. Quando avremo finito, facciamo clic su Next. Nella schermata successiva, verrà chiesto di confermare la frase di recupero segreta.

Creazione della password per Metamask

Creazione della password per Metamask.

Dopo aver confermato la frase di recupero segreta, torniamo su Rarible e facciamo clic su Sign In. Quindi facciamo clic su Sign In with Metamask e questa volta comparirà il nostro wallet Metamask. Facciamo clic su Creiamo in alto nel sito web di Rarible, quindi su Sign In with Flow (ho scelto Flow perché è il più economico per la creazione di NFT). Se non abbiamo già un account Flow, ci verrà chiesto di registrarci con il nostro indirizzo e-mail. Seguiamo le istruzioni, accettiamo i termini e gli accordi.

Dopo la connessione, facciamo clic su Creiamo e scegliamo il tipo di NFT tra Single e Multiple. La scelta qui sarà Single (vedi la figura qui di seguito).

Creazione di un elemento in Flow

Creazione di un elemento in Flow.

Dopo aver fatto clic su Single, ci verrà offerta la possibilità di caricare sulla piattaforma il file digitale che desideriamo coniare. Avremo quindi bisogno di avere un file digitale della nostra opera d’arte, pronto per il caricamento. L’NFT che creiamo diventerà l’atto di titolo digitale della nostra opera d’arte.

Il passaggio successivo consiste nell’inserire le condizioni di vendita; inseriamo il nostro prezzo in Flow (al 5 gennaio 2022 il valore era di 9,24 dollari). Specifichiamo il titolo, la descrizione e la percentuale per le royalty. Selezioniamo Rarible e facciamo clic su Create. Infine, facciamo clic su Approve per creare il nostro NFT (in figura). Notiamo che, in genere, pagherete una commissione per la creazione di un NFT, ma per Flow la transazione è gratuita.

Approvazione del nuovo NFT

Approvazione del nuovo NFT.

Ci verrà quindi presentata una prova dell’NFT che abbiamo appena creato.

Facciamo clic su View NFT e vedremo la nostra opera digitale in vendita. Abbiamo la possibilità di rimuoverla dalla vendita o di condividere l’NFT con i nostri potenziali clienti. Il ricavato della vendita del nostro NFT sarà depositato nel nostro wallet Metamask.

Torna all’inizio.

4. Come trovare lavoro grazie alle criptovalute

Molte persone considerano le criptovalute una strada affascinante e allettante per creare ricchezza e, in effetti, così è. Tuttavia, attorno alle criptovalute si è formato un intero settore, che sta appena iniziando a crescere (vedi la figura seguente). Per esempio, il noto sito di ricerca di lavoro Indeed.com mostra oltre 500 singoli lavori disponibili nel 2020 nel campo delle criptovalute. La società Cryptocurrency Jobs ha quasi 500 aziende che cercano dipendenti attraverso i loro servizi.

La crescita del lavoro nel campo dei bitcoin supera gli stessi prezzi della prima tra le criptovalute

La crescita del lavoro nel campo dei bitcoin supera gli stessi prezzi della criptovaluta. Fonte: Glassdoor Economic Research (glassdoor.com/research), CoinMarketCap.

Oltre al mondo della blockchain, nel campo delle criptovalute è disponibile una moltitudine di altri lavori. Gli analisti finanziari esperti nel settore delle criptovalute sono molto richiesti dalle società di investimento che cercano di entrare nel mercato.

Questa carriera rappresenta una fantastica intersezione tra i mondi della vecchia finanza e della finanza futura. Lo stipendio medio offerto su Indeed.com è di 70.000 dollari all’anno, e questi professionisti sono i più richiesti dalle grandi banche.

Un’altra carriera nel campo delle criptovalute e coinvolta nel trading è il giornalismo. La ricerca di mercato è estremamente importante nel trading di criptovalute. Ci devono essere persone che si occupano di produrre materiale per gli investitori. Questi autori guadagnano in media 250 dollari per un articolo di 500 parole, a seconda della qualità della scrittura.

Anche nelle attività della blockchain ci sono alcune possibilità di carriera. La prima è nel campo dell’ingegneria di machine learning. Le criptovalute sono interamente digitali. Pertanto, richiedono l’impiego di molti programmatori e ingegneri, per proteggerne l’integrità e difendersi dagli hacker. Gli ingegneri con esperienza di programmazione nel campo delle criptovalute guadagnano tra 60.000 e i 150.000 dollari all’anno.

La prossima figura mostra la percentuale di posti di lavoro disponibili per ruoli dirigenziali. Le nuove criptovalute sono dotate di whitepaper, che sono lunghi documenti che descrivono la valuta, per attirare gli investitori. Questi whitepaper devono essere scritti da tecnici che conoscono le criptovalute e sanno che cosa cercano gli investitori.

Posti di lavoro per ruoli dirigenziali

Posti di lavoro per ruoli dirigenziali. Fonte: AngelList Data.

Oltre alla realizzazione del whitepaper, le criptovalute devono anche essere commercializzate. I responsabili marketing per le valute e la blockchain sono molto richiesti, in questo settore così agli inizi. Queste posizioni di marketing delle criptovalute guadagnano circa 75.000 dollari all’anno e rappresentano il quarto titolo di lavoro più redditizio nel campo delle criptovalute. Per chi cerca di assumere un ruolo più importante nel campo delle criptovalute, sono disponibili molte possibilità di carriera redditizie, oltre al trading.

Leggi anche: Criptovalute: tecnologia sfidante per chi fa trading

Torna all’inizio.

5. Che cosa sono le criptovalute

Una criptovaluta è una valuta digitale che utilizza una blockchain e varie tecnologie di crittografia per elaborare e verificare in modo sicuro le transazioni. Una criptovaluta può essere utilizzata come mezzo di scambio a livello internazionale e differisce da una valuta fiat in quanto non è controllata da alcuna banca centrale o autorità. Essa è contenuta in un database a blockchain che nessuno può manipolare, a meno che vengano soddisfatte precise condizioni.

I vantaggi delle criptovalute

Chiunque può ottenere una criptovaluta, anche se il processo può sembrare tecnicamente complicato. Tuttavia, essa consente a persone in tutto il mondo di interagire tra loro tramite trasferimenti online.

La rapidità dei tempi di regolamento di uno scambio è un’altra caratteristica fondamentale delle criptovalute. A differenza di qualsiasi sistema elettronico di regolamento in valuta, i pagamenti possono avvenire istantaneamente. Molte criptovalute offrono commissioni minime per le transazioni, il che è interessante considerando le elevate commissioni generalmente applicate al trasferimento internazionale di denaro.

Gli svantaggi delle criptovalute

Il più grande ostacolo da superare per le criptovalute è la mancanza di conoscenza sul loro utilizzo. Di conseguenza, i regolatori finanziari di una serie di paesi non si occupano neppure di capire come funzionano. Alcuni paesi, come la Cina, le hanno messe addirittura fuorilegge.

Le transazioni in criptovalute non possono essere annullate una volta eseguite, cosa che alcuni considerano problematica. Se un’operazione è, semplicemente, sbagliata, l’unica soluzione è chiedere al destinatario di rimborsarla. Ma il destinatario può opporsi alla richiesta di rimborso, il che lascia il mittente senza appigli legali.

Il valore delle criptovalute oscilla frequentemente, quindi le criptovalute hanno un’elevata volatilità. Questo è un fattore che ne complica sia la comprensione sia l’utilizzo.

Le criptovalute di oggi non sono ancora abbastanza mature per sostituire i pagamenti standard con denaro fiat. Il mercato delle criptovalute è ancora ai primordi, ed è necessaria un’evoluzione significativa delle criptovalute per creare un sistema finanziario in grado di sostituire quello attuale. Molto probabilmente l’evoluzione non proverrà da nessuna delle criptovalute esistenti, ma dall’integrazione fra politiche e tecnologia blockchain. Ma data la forte opposizione alle criptovalute cui assistiamo in tutto il mondo, probabilmente ci vorrà del tempo prima che esse entrino nel settore finanziario tradizionale.

Torna all’inizio.

Questo articolo richiama contenuti da Tutto sulle crypto.

Immagine di apertura di Art Rachen su Unsplash.

L'autore

  • Cecil (CJ) John
    Cecil (CJ) John è CEO di virtualdeveloper.com, LLC, una società che si occupa di cloud computing, blockchain e digital workplace, che annovera tra i suoi clienti importanti istituzioni come la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, il governo degli Stati Uniti, Deloitte Consulting ed Ernst & Young. CJ ha applicato la tecnologia blockchain allo smart working attirando l'attenzione di Microsoft che ha conferito alla sua azienda l'ambito status di Microsoft Managed Partner.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Tutto sulle crypto

Quello che devi sapere su Bitcoin, Blockchain, NFT e DeFi

23,66

24,90€ -5%

di Cecil (CJ) John