Home
Corea del Sud: lavoratori licenziati con un Sms

11 Marzo 2004

Corea del Sud: lavoratori licenziati con un Sms

di

I dipendenti di una società di credito sud coreana in difficoltà, sono stati informati del loro licenziamento da un messaggio sul cellulare

La direzione ha giustificato questa anomala forma di comunicazione con il fatto che, essendo i lavoratori in sciopero contro le riduzioni di forza lavoro previste dalla società, “era impossibilitata a contattarli in altro modo”.

Korea Exchange Bank (KEB), quinto organo di credito del paese, prevede di ridurre della metà i 662 posti di lavoro e ha annunciato la decisione di procedere a licenziamenti pressoché immediati tramite invio di Sms.

In Corea del Sud, il tasso di penetrazione del cellulare ha raggiunto il 70%, rendendo l’Sms un mezzo di comunicazione idoneo a tale fine, almeno secondo i vertici della KEB.

“In questo momento è il solo mezzo che abbiamo per contattarli”, ha dichiarato un portavoce della KEB, precisando che la direzione continuava, intanto, a discutere con i sindacati sul piano di licenziamento.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.