Home
Contro lo Spam le leggi sono inefficaci

15 Gennaio 2004

Contro lo Spam le leggi sono inefficaci

di

Aumenta lo sconforto nell'utenza Internet americana. Le leggi approvate recentemente, per combattere il disastroso fenomeno Spam, si sono rivelate inefficaci

Secondo una società specializzata, la Brightmail, nella settimana seguente all’introduzione della nuova legge federale (1° gennaio 2004), ben il 58 % dei messaggi di posta elettronica ricevuti nelle caselle degli utenti era Spam: lo stesso dato registrato a dicembre.

Esiste, poi, la prova che questo fenomeno dev’essere affrontato a livello globale e che poco efficaci risultano le leggi di singoli stati (anche se grandi e importanti come gli Stati Uniti). AOL, infatti, ha segnalato che sui suoi server sono aumentati del 10 % i messaggi spazzatura provenienti dall’estero, segno che gli Spammer hanno trovato il modo per aggirare le leggi federali americane.

In pratica, lo Spam in Europa arriva dagli Stati Uniti (e i singoli stati europei poco possono in termini di repressione legislativa contro aziende che operano fuori dai confini del vecchio continente) e, allo stesso modo, sale lo Spam in arrivo dall’estero nelle caselle di posta degli americani.

Non solo, la legge federale americana annulla molte delle disposizioni previste nei singoli Stati, soprattutto quelle più restrittive. Grande, dunque, la delusione di molti nell’apprendere i contenuti del testo della nuova legge federale.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.