Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Canada: insegnanti e titolari di diritti d’autore in disaccordo

06 Maggio 2005

Canada: insegnanti e titolari di diritti d’autore in disaccordo

di

Alcune modifiche proposte alla legge canadese sul diritto d'autore hanno causato un'accesa polemica tra gli insegnanti e i diffusori di contenuti protetti da copyright su siti Internet

In Canada sta per essere presentato un nuovo progetto di legge sulla tutela del diritto d’autore. Il governo ha promesso di tenere consultazioni pubbliche sulle regole da stabilire per l’utilizzo di materiale che proviene da Internet, argomento non trattato nel disegno di legge. I ministri provinciali dell’istruzione, eccetto quello del Québec, chiedono che la legge stabilisca la libertà d’accesso per ogni materiale disponibile gratuitamente in Internet.

Un’associazione di detentori di diritti d’autore chiede, invece, che gli autori siano protetti in modo esplicito e che ricevano un’indennità anche per il materiale pubblicato in Internet, così come accade per le pubblicazioni offline.

Queste ultime sono affidate a una società di gestione collettiva dei diritti d’autore, che applica un sistema pay per use. In questo modo, i titolari di diritti d’autore ricevono un compenso ogni volta che degli insegnanti utilizzano il loro materiale.

La Access Copyright, questo il nome della società, chiede alle commissioni scolastiche, ai collegi e alle università, di pagare le spese di una “autorizzazione generale”. Gli insegnanti possono così riprodurre e distribuire materiale agli studenti in tutta legalità.

Le spese sono di 2,31 dollari per allievo a livello di istruzione primario, e di 3,30 dollari per persona iscritta all’università. “È il modo più semplice per consentire all’autore di essere compensato per il suo lavoro – ha commentato un’autrice di materiale didattico – Se Internet è un altro mezzo per pubblicare testi, allora come autori dovremmo avere il diritto di essere remunerati per il nostro lavoro anche quando viene reperito tramite Internet”.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.