Home
Canada: 130 testate in vendita per passare a Internet

25 Febbraio 2000

Canada: 130 testate in vendita per passare a Internet

di

Un chiaro segno dell’evoluzione dei tempi. La Thomson Corp.- primo gruppo proprietario di quotidiani del Canada, e in precedenza uno dei maggiori in Nord America e Gran Bretagna – ha deciso di mettere in vendite 55 testate quotidiane e 75 periodiche cartacee di ambito locale e specializzato. Ovvio il motivo: concentrare risorse ed energie sull’informazione veicolata tramite Internet. Thomson prevede comunque di conservare la proprietà del quotidiano più importante, il Globe and Mail di Toronto.

Grazie a tale manovra, entro cinque anni, il gigante editoriale prevede di generare l’80 per cento delle proprie entrate dalle testate elettroniche che si appresta a varare. Lo scorso anno sono state registrate entrate per 810 milioni di dollari, derivanti sempre più da servizi d’informazione specializzati che affiancano l’attività editoriale del gruppo. Tali servizi sono rivolti a professionisti e dirigenti in ambito legale, economico, scientifico e della salute. Settori assai promettenti per il passaggio alla distribuzione online. In ogni caso, il Primo Ministro canadese Jean Chretien ha già annunciato l’attento monitoraggio governativo sulle operazione di compravendita delle testate cartacee della Thomson Corp. onde evitare ogni rischio di eccessiva concentrazione dell’informazione nazionale.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.