Home
Cambiare il firmware alla Canon EOS 300D

31 Agosto 2004

Cambiare il firmware alla Canon EOS 300D

di

Modificare il firmware della reflex digitale Canon Eos 300D, meglio conosciuta nel resto del mondo come Digital rebel, consente di renderla molto simile alla sorella maggiore Eos 10D. Ecco come sostituirlo.

Perché può essere conveniente (e perché è rischioso)

In un articolo precedente vi avevo raccontato come i due gioiellini Canon 300D e 10D abbiano in comune moltissime cose, compresa buona parte dell’elettronica e come sia possibile, installare sulla 300D un firmware derivato da quello del modello superiore 10D e che consente di rendere disponibili al fotografo molte funzionalità e caratteristiche non presenti sul modello 300D originale.

Il processo di sostituzione del firmware descritto in questo articolo è a tutti gli effetti un processo standard Canon con il quale la stessa casa nipponica permette ai suoi clienti l’aggiornamento del firmware della reflex digitale nel momento in cui venga rilasciata una versione aggiornata del firmware stesso. Il processo in sé non è quindi pericoloso, anche perché se il nuovo firmware non dovesse funzionare correttamente è abbastanza probabile che si possa reinstallare il firmware originale Canon.

La pericolosità dell’operazione deriva dal fatto che si sta installando un oggetto software che non ha nulla di ufficiale e che non è supportato dalla casa madre, per cui non è assolutamente garantito che funzioni né che la sua installazione non possa in qualche modo influire sul buon funzionamento della nostra amata reflex digitale.

Chi effettua le operazioni descritte nel seguito lo fa pertanto a suo rischio e pericolo e cosciente del fatto che richiedere eventualmente un’assistenza in garanzia, per un oggetto al quale sia stato sostituito il firmware con uno non originale, comporta quasi sempre (e giustamente) il rifiuto dell’intervento in garanzia.

In ogni caso, terminati i disclaimer, se siete giunti fin qua è più che probabile che intendiate installare il firmware modificato, quindi vediamo come si effettua questa semplice operazione.

Tutto quello che serve

  • Innanzi tutto una Canon Eos 300D🙂
  • Il firmware modificato, al momento è la versione 1.1.1 beta 71, che si può trovare a questo link
  • Il firmware originale Canon (perché non si sa mai…) si può scaricare da questo link
  • Una scheda Compact Flash compatibile con la 300D ed uno strumento per collegarla al PC (un lettore di schede o un adattatore)

Quando avete a disposizione il tutto siamo pronti a partire.

Prima della cura

Per verificare la versione del firmware al momento installato sulla vostra reflex digitale si utilizza l’apposita funzione presente nel menù della macchina, nel caso in esame la versione corrente è la 1.0.2, versione ormai “vecchiotta” e che in ogni caso merita la sostituzione con la versione più recente 1.1.1, solo che noi la sostituiremo con una versione 1.1.1 accuratamente modificata.

La cura

Il firmware modificato, subito dopo il download, si presenta sotto forma di file compresso in formato rar, aprendolo troveremo i due file:

  • E3kr111.fir: il firmware
  • readme.txt: le informazioni sulle modifiche nella versione corrente

Prendiamo la scheda Compact Flash, io ho usato una vecchia scheda da 16Mb, colleghiamola al PC tramite il lettore o l’adattatore e formattiamola, quindi copiamo sulla scheda il file e3kr111.fir.

A questo punto inseriamo la scheda Compact Flash all’interno dalla macchina ed accendiamola.

La sequenza di operazioni seguenti è semplicissima ed è descritta in questa figura:

La macchina si accorge che sulla scheda che è stata inserita c’è un file che consente l’aggiornamento del firmware, quindi chiede conferma prima di eseguire l’aggiornamento, successivamente controlla la versione attuale del firmware e dopo un’ulteriore conferma inizia a sostituirlo. Al termine compare il messaggio di avvenuta sostituzione.

Se qualcosa andasse storto è probabile che la macchina smetta di funzionare… calma, non tutto è perduto.

È quasi sempre possibile installare il firmware originale Canon utilizzando lo stesso procedimento e tornare quindi nella situazione iniziale.

Attenzione al fatto che i procedimenti di aggiornamento e di rollback non sono assolutamente garantiti e che state installando un firmware non fornito dalla casa costruttrice, quindi se qualcosa non funziona dovrete prendervela esclusivamente con voi stessi:-)

Dopo la cura

Al termine dell’operazione di aggiornamento troverete a bordo dalla vostra 300D tutte le funzionalità descritte nell’articolo precedente, e per raggiungere molte di queste sarà necessario utilizzare lo stesso menù visto in precedenza, dove sarà presente anche la nuova voce Custom Function.

Questa voce di menù aprirà un mondo nuovo, un sottomenù in grado di configurare tutte le nuove funzionalità:

Come detto nell’articolo precedente queste sono solo alcune delle nuove funzionalità offerte alla Canon EOS 300D (ed alcune delle quali ancora non funzionano…), per comprendere come utilizzarle e vi consiglio di l’articolo di approfondimento.

Conclusioni

L’aggiornamento di un firmware con uno più evoluto è spesso conveniente, in questo caso l’incremento di funzionalità e talmente sensibile che potrebbe influenzare chi è interessato ad acquistare un modello di fascia più elevata (sia Canon che di altre marche) ad orientarsi sul modello 300D.

C’è da ricordare in ogni caso che la sostituzione di un firmware con uno non supportato dalla casa madre potrebbe causare malfunzionamenti e la perdita della garanzia, chi lo fa in ogni caso deve esserne consapevole ed assumersene il rischio.

Buone foto

L'autore

  • Massimo Canducci
    Massimo Canducci lavora per Engineering Ingegneria Informatica come Technical Manager della Direzione Ricerca e Innovazione. Si occupa di nuove tecnologie e architetture web.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.