REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Big Data, B.Y.O.D. e Business Intelligence

18 Giugno 2012

Big Data, B.Y.O.D. e Business Intelligence

di

L'evoluzione di software e hardware sollecita le aziende al ripensamento della loro infrastruttura informatica.

Si è parlato diverse volte dei cambiamenti tecnologici e di come potrebbero o dovrebbero influenzare la formazione scolastica o la vocazione di ciascuno all’autoapprendimento (meglio se per scelta propria invece che di altri, come si scherza spesso parlando di single).

Anche sulle aziende però ci sarebbe qualcosa da dire e sulle loro infrastrutture dati. Ho vissuto mesi fa un’esperienza personale surreale, in un ambiente dove il business gravitava attorno a un venerando database Access, la cui struttura era divenuta completamente inadatta alle necessità del momento, che nessuno sapeva o voleva aggiornare.

Per fortuna non è così ovunque. In quante aziende è così, tuttavia? Ci ho pensato leggendo queste righe da Cloud Computing Journal su Hadoop:

Netflix already has a petabyte of data on their Hadoop cluster, which they run on Amazon’s Web Services. And Twitter, Facebook, eBay and other titans and dot com darlings have similarly large Hadoop installations.

Non tutti sono Facebook o hanno bisogno di analizzare petabyte di dati e lo stesso Hadoop è solo un esempio. Tuttavia il tema diventerà di importanza sempre maggiore: al contrario dell’informatica del secolo scorso, dove la corsa era a mantenersi alla pari con tutti gli altri, quella di oggi permette di guadagnare vantaggio competitivo. A patto di padroneggiare la tecnologia e affinarne l’uso come i competitor non sanno fare.

A questi sviluppi lato server e lato azienda si affiancano segnali dal mondo consumer e dal lato client: significativa la promozione di Roambi, che promuove la propria app di business intelligence con dati sulle recenti Olimpiadi, da elaborare su iPhone o iPad per formulare pronostici su chi vincerà più medaglie ai Giochi di Londra 2012.

Il che pone l’accento sulla tendenza del Bring Your Own Device che prende sempre più piede in molti mondi professionali: se una volta gli apparecchi più potenti erano quelli in azienda, ora potrebbero essere quelli per uso personale. Uso che si mescola vieppiù con quello professionale.

L’azienda tipica italiana, sul lato informatico, è stata finora di orientamento prettamente conservatore, guai a chi tocca la vecchia infrastruttura che tanto costerebbe rinnovare e solleva problemi troppo impegnativi per qualche responsabile dei sistemi più stagionato di altri (mentalmente).

Eppure sembra arrivato il momento in cui ripensare all’infrastruttura aziendale in termini moderni possa avere un ritorno concreto dell’investimento, in risparmi e produttività.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.