Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Beni culturali si diventa

24 Luglio 2014

Beni culturali si diventa

di

L’ingerenza sulle dinamiche di mercato con il pretesto dell’equo compenso costituisce almeno una forma di riconoscimento.

A volerla buttare in politica si risolverebbe la questione in fretta; sarebbe sufficiente invitare Dario Franceschini a recuperare vecchie posizioni espresse in Europa, a proposito del decreto Bondi, dal suo partito.

Ma la politica, almeno per una volta, non c’entra o c’entra poco. Il sunto più efficace della vicenda lo ha steso Massimo Mantellini a partire dal titolo che dice già tutto:

rimane da chiedersi la ragione di atteggiamenti comunicativi tanto aggressivi da parte del Ministro della Cultura […] stranamente sovrapponibili (anche nei toni) a quelli della SIAE, soggetto in campo in una tenzone nella quale Franceschini dovrebbe essere semplice imparziale arbitro.

La discussione è degenerata in caciara con il puntamento del mirino su Apple. Franceschini aveva twittato che il compenso per copia privata a protezione della libertà degli artisti lo avrebbero pagato i produttori; da Cupertino hanno risposto alzando i prezzi del listino.

Il ministro ha allora parlato di atteggiamento puramente ritorsivo dell’azienda verso i clienti e ha twittato dati di confronto con Francia e Germania, dove un iPhone costa meno; secondo le sigle sindacali dei lavoratori della SIAE, come riferisce il Sole 24 Ore, Apple è colpevole di

mistificazione della realtà mirata a confondere i consumatori e a mantenere inalterati i propri ingenti profitti, spesso realizzati attraverso l’utilizzo di manodopera a basso costo.

Se l’uso di manodopera a basso costo avesse attinenza con l’argomento saremmo a discutere di equo compenso per l’abbigliamento, la raccolta dei pomodori e i call center. Evidentemente si tratta di demagogia, che costa ancora meno.

Invece. Una ricerca commissionata proprio dal ministero mostra come la copia privata sia un fenomeno sotto controllo e circoscritto, prima ancora di entrare nel merito su quanto sia fair use e quanto pirateria.

Prima dell’aumento, l’Italia incassava secondo il Sole equo compenso per copia privata in misura di 1,38 euro pro capite, contro i 2,96 euro della Francia e i 0,37 euro della Germania.

Il presidente di Confindustria digitale Elio Catania stima che, dopo l’aumento, gli incassi raggiungeranno i 157 milioni di euro nel 2014, in aumento del 150 percento sul 2013. Profitti ingenti che non rimarranno affatto inalterati ma schizzeranno verso l’alto. Generati da “manodopera” che neanche a basso costo; è obbligata a pagare.

In tutto questo c’è un elemento comunque positivo. Se se ne occupa il ministro, vuol dire che gli smartphone sono Beni Culturali. Con l’arretratezza digitale che soffriamo, è qualcosa.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.