Home
Arrestati in Spagna contraffattori di carte per la televisione digitale

29 Giugno 2001

Arrestati in Spagna contraffattori di carte per la televisione digitale

di

Il problema delle carte contraffatte per la codifica dei segnali digitali è un problema che si fa sentire in tutto il mondo.

In Spagna la polizia ha arrestato 12 spagnoli sospettati di commercializzare su Internet decoder pirata per poter vedere le trasmissioni degli operatori di televisione digitale.

In particolare, la più colpita sembra essere la società ONO.

L’operazione di polizia ha avuto come centri le città di Valenza, Villareal, Castellon, Algesiras, Albacete e Irun.

Nelle mani degli inquirenti sono finiti oltre ai sospettati, 237 decoder pirata e 500 carte elettroniche pirata di diversi operatori di televisione digitale.
I decoder pirata, acquistati all’estero per 60 euro, venivano rivenduti a 150 euro per corrispondenza su Internet.

Secondo gli inquirenti, la truffa avrebbe tolto alla sola società ONO più di 600 mila euro con l’uso di questi decoder pirata.

Ritorna, dunque, il problema della facilità di contraffazione delle carte che si basano su chip.
Una facilità che nessuna chiave informatica ancora è riuscita a sconfiggere, malgrado i tentativi di molti.

Un problema che si fa più urgente per le carte bancarie, siano esse carte di credito o bancomat, come dimostra l’ultimo sequestro di carte di credito contraffatte in provincia di Torino.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.