RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Apple inaugura l’era delle LAN su Firewire

08 Luglio 2003

Apple inaugura l’era delle LAN su Firewire

di

L'azienda statunitense ha presentato una nuova soluzione per l'ambiente business, in grado di trasformare il normale bus Firewire in una specie di porta Ethernet

La connessione FireWire è attualmente uno degli standard con la velocità più alta di trasferimento dati. Apple ha pensato bene di sviluppare un nuovo software che ne permettesse l’utilizzo anche nel campo del networking. Grazie a questo nuovo prodotto, concepito inizialmente per soddisfare le esigenze del suo Xserve, è finalmente possibile creare una LAN con 63 nodi, fra Pc e periferiche, capace di una velocità di trasfering fra i 400 e gli 800 Mbps. Il software IP-over-Firewire trasforma praticamente il normale bus Firewire in una specie di porta Ethernet, tanto più che si può utilizzare tranquillamente anche il TCP/IP, il protocollo Internet di riferimento.

“Vogliamo proporre un’alternativa alla classica, ma onerosa, Gigabit Ethernet; – ha sottolineato Tom Goguen, marketing manager per o.s. server di Apple – i consumatori da tempo chiedevano un sistema economico per creare una LAN ad alte prestazioni”. Sfruttando i nuovo adapter Firewire si potranno incrementare anche le distanze, arrivando a 100 metri con la fibra ottica e mantenendo velocità di trasferimento dati sui 200 Mbps. Per chi volesse investire di più per la creazione di una LAN di questo tipo, Apple propone il nuovo Firewire 800, con adapter proprietari e connessioni in fibra di vetro, l’ultimo ritrovato ottico ancora piuttosto costoso.

Per l’azienda statunitense l’IP-over-Firewire è un vero e proprio prodotto server, infatti non è considerato un software freeware; gli utenti che vorranno disporre di questa novità dovranno registrarsi al sito Apple per il “free online developer program”, e poi potranno scaricare il pacchetto the IP-over-FireWire per l’istallazione su Mac OS X. Attualmente l’azienda statunitense non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla possibile implementazione del software per sistemi pc, ma non è da escludere che in futuro possano essere distribuite sul mercato nuove versioni per sistemi operativi diversi da quello proprietario.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.