Home
Amazon sfida Apple

21 Febbraio 2006

Amazon sfida Apple

di

L´azienda di Seattle ha deciso di competere con Cupertino e lanciare non soltanto uno store online, ma anche un proprio lettore portatile

Importanti novità sono in arrivo da Amazon il negozio retail online che, secondo quanto affermato dal Wall Street Journal, avrebbe in mente di volgere la sua attenzione al settore della musica digitale, lanciando una chiara sfida ad Apple.

A quanto pare il big americano di Seattle vorrebbe allargare la propria offerta, inglobando un numero sempre maggiore di utenza, grazie un nuovo genere di business (che si aggiungerebbe alle attività attuali di vendita di cd, DVD e libri che hanno generato nel 2005 il 70% delle vendite complessive), che comprende un nuovo store online simile a iTunes e un player, con il proprio brand, costruito in collaborazione con Samsung.

Insomma, Amazon vorrebbe togliere al colosso di Cupertino, che attraverso il lettore iPod detiene il 75% delle quote di mercato dei player, il primato nel campo della musica digitale lanciano un servizio attivo a partire dalla prossima estate.

A questo scopo la società di Seattle, guidata da Jeff Bezos, avrebbe dato il via a trattative strategiche con le quattro maggiori case discografiche mondiali: Sony BMG, EMI, Warner e Vivendi Universal.

Benché l´accordo non sia stato ancora definito, le canzoni dovrebbero essere scaricate gratuitamente pagando, però, un abbonamento mensile comprensivo del player. Si tratta della stessa procedura adottata da Real Networks e Napster, differente dal metodo utilizzato da Apple che fa pagare soltanto ciò che l´utente decide di scaricare.

Cupertino, a quanto afferma il giornale online, avrebbe ragione di preoccuparsi non solo perché sul mercato potrebbe apparire un concorrente temibile per la popolarità del brand e la grande esperienza nel business online, ma perché oggi Amazon vende circa il 10% dei player musicali commercializzati negli USA (tra cui anche gli iPod).

Anche altri colossi di Internet stanno prendendo in considerazione l´idea di produrre un proprio player. È il caso di Microsoft, che potrebbe produrne uno per MSN Music, e Google.

Sembra dunque che il primato di Apple in campo della musica digitale sia seriamente minacciato. Non potendo azzardare nessuna ipotesi, non ci resta che attendere e vedere in quale direzione, e a favore di chi, evolverà la situazione.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.