REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Alcuni siti P2P pubblicano un codice di buona condotta

09 Ottobre 2003

Alcuni siti P2P pubblicano un codice di buona condotta

di

Verso la fine di settembre, alcuni siti peer-to-peer hanno pubblicato un codice di buona condotta, destinato a sensibilizzare gli utenti ai problemi della pirateria e della pornografia

L’Associazione P2P United, che raggruppa i siti Lime Wire, Grokster, Blubster, BearShare, Morpheus, eDonkey 2000 (Kazaa non fa parte dell’associazione) ha domandato al Congresso Americano di mettere a punto una soluzione che preveda un indennizzo per le case discografiche e gli altri detentori dei diritti d’autore delle opere disponibili gratuitamente sui siti peer-to-peer.

Questi siti hanno assicurato che incoraggeranno gli utenti a informarsi sulla normativa in materia di proprietà intellettuale, ma hanno rifiutato di installare filtri o altri dispositivi tecnici che impediscano lo scambio di file protetti dal diritto d’autore, in quanto introdurre questi filtri, oltre ad essere per loro tecnicamente impossibile, determinerebbe la violazione del diritto dei propri utenti di scambiarsi i file, nei casi in cui ciò è consentito.

I membri del P2P United non hanno formulato proposte precise, ma hanno indicato molte soluzioni da prendere in considerazione, che vanno dai canoni pagati dalle emittenti radiofoniche sulla musica diffusa, alla tassa percepita sulle cassette vergini audio e video.

I membri dell’associazione si sono inoltre impegnati ad aiutare le forze dell’ordine ad individuare pedofili che operano sui loro siti, a facilitare la protezione dei dati sensibili e a non installare, all’insaputa degli internauti, spyware destinati a raccogliere i loro dati personali.

Un portavoce della RIAA (Recording Industry Association of America), che raggruppa i cinque giganti mondiali della musica, ha dichiarato che l’iniziativa del P2P United è apprezzabile, anche se c’è ancora molto da fare prima di poter arrivare a considerare questi siti come delle “imprese normali”.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.