2 Commenti

E magari basterebbe una regex

SIAE fa il sito e non i link

di

thumbnail

04

set

2015

Uno non fa in tempo a prendersi una settimana di relax e salutare disconnessione telematica, che gli piazzano lì una sorpresa.

Proprio in piena canicola la SIAE ha infatti annunciato il nuovo sito. Ce n’era un gran bisogno. Il vecchio sito, basato su criteri e tecnologie di fine anni 90 o poco più, era diventato inutilizzabile e addirittura foriero di equivoci.

Come in varie sedi avevo fatto notare, era diventato uno di quei classici esempi in cui chi vuole mantenere il controllo sulle informazioni non fa altro che darne troppe, in sovrabbondanza, senza una chiara organizzazione. Così è stato per anni Siae.it, tanto che l’unica via di salvezza era non navigare nel sito e affidarsi a Google sperando di arrivare ad una pagina del sito che contenesse il documento, il form, il testo normativo corretti e aggiornati.

Proprio questa situazione di confusione informativa, segnalata da moltissimi dei potenziali fruitori dei servizi di SIAE, mi aveva portato in questi anni a realizzare il piccolo sito http://lasiae.blogspot.it/ e nei mesi scorsi anche il libro SIAE: funzionamento e malfunzionamenti, nei quali raccogliere e riorganizzare le informazioni più essenziali e presentarle in modo semplice e comprensibile anche ai non addetti ai lavori.

Bisogna riconoscere che il nuovo sito ufficiale ha fatto un indiscutibile passo avanti sia dal punto di vista tecnologico sia dal punto di vista della buona comunicazione, allineandosi con ciò che il web di oggi richiede. Gradevole graficamente, veloce nella risposta, con al centro un motore di ricerca dedicato e con le due principali ottiche che entrano in gioco nell’ambito del diritto d’autore: quella dei creatori di opere e più in generale dei titolari di diritti d’autore, e quella dei semplici utilizzatori.

Il nuovo sito Siae.it

Persino brillantemente responsive, il nuovo sito Siae. I vecchi link, però…

E aggiunge il direttore generale Blandini nella sua lettera del 20 luglio scorso agli associati:

Questi sono solo i primi passi. Stiamo ripensando anche il Portale Associati, che oggi si chiama Portale Autori ed Editori, e lo vogliamo rendere uno spazio più utile, in cui possiate sentirvi a vostro agio.

Dietro questo lavoro ovviamente non c’è solo lo staff interno di SIAE ma anche e soprattutto una società specializzata come Alkemy, che – mi vien da dire – non a caso ha lavorato anche per la SugarMusic dell’attuale Presidente SIAE Filippo Sugar.

C’è però un neo che di primo acchito non avevo notato. Non trattandosi di un semplice restyling ma di una vera e propria tabula rasa del vecchio sito per passare a uno totalmente nuovo, il risultato è quello di centinaia di link rotti. Proprio quei link che Google dopo anni e anni era riuscito ad indicizzare e a dare comunque in pasto agli utenti. Forse almeno per i documenti più importanti (ad esempio lo statuto, il regolamento, le delibere), che sono quindi linkati come fonti, si sarebbe potuto pensare a un redirect o a una landing page comune in cui segnalare dove si trova attualmente il documento cercato.

Un neo che si riflette ahimé anche sul mio lavoro, dato che mi costringerà ad aggiornare tutti i link citati nei miei post e soprattutto nei miei libri per non lasciarli monchi. Orsù, SIAE, risparmiate a me e ad altri questa tortura. Avete fatto trenta; ora fate trentuno e scrivete uno script per fare redirect ai link più importanti.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribution – Share Alike 4.0.




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 3.835 volte | Tag: , , , , , ,

2 commenti

  1. Luca

    Parliamo di link da google? Perchè sul sito mi pare che regolamenti e statuti siano funzionanti….

  2. Simone Aliprandi

    Parliamo di link dal resto del web, ovviamente. Che i link interni funzionano mi sembra il minimo.

Lascia il tuo commento