2 Commenti

Il Bundesrat non se n'è reso conto

Google, Google über alles

di

thumbnail

24

ott

2014

Come editore tedesco, mi si nota di più se sto dentro Google News oppure fuori? Soprattutto, riesco a farmi pagare il diritto di copia?

Eravamo rimasti l’altroieri a nazioni contro aziende e giusto ieri si è diffusa la notizia dell’ammorbidimento degli editori tedeschi impegnati in una prova di forza contro Google. Confronto che non ha portato i risultati sperati.

Per ammorbidimento si intende la concessione a Google di un diritto definito revocabile di ripubblicazione dei loro contenuti, nell’ambito dei risultati delle ricerche e di servizi come Google News. Il motivo sta nel formidabile potere di Google, che in Germania amministra 93 ricerche Internet ogni cento.

Dodici editori teutonici tra i quali Axel Springer e Burda hanno acquisito una quota del 50 percento di VG Media, società di raccolta diritti, e hanno preteso da Google il pagamento dei diritti di ripubblicazione ai sensi di una legge sul copyright approvata in agosto. Legge che in bozza prevedeva l’esclusiva totale sui contenuti e in versione definitiva invece consente il riutilizzo di singole parole e spezzoni limitatissimi di testo; secondo gli editori, tuttavia, spettava a loro decidere se Google avesse varcato il limite.

La quale Google ha messo a disposizione degli editori uno strumento apposito, come il portavoce Ralf Bremer ha scritto a PcWorld:

Alla luce della nuova legge e delle sue incertezze di interpretazione abbiamo sviluppato il Google News Confirmed Consent Tool, come sistema di assenso che gli editori useranno se decideranno di volere ancora i propri contenuti inseriti in Google News. […] Gli editori sono sempre stati liberi [tecnicamente, attraverso il file robots.txt e la modifica dei metatag delle pagine] di evitare l’indicizzazione su Google e questo strumento è una opzione aggiuntiva.

Per gli editori riottosi, solo il nudo link alla notizia, quello ancora legale, privo di abstract o citazioni o immagini in miniatura, tutelato anche da una recente decisione della Corte di Giustizia europea. E la sostanziale esclusione da un mercato pubblicitario che, sostiene Google, genera mezzo miliardo di clic al mese sulle news tedesche e ha portato agli editori stessi un miliardo di euro negli ultimi tre anni.

C’è chi ipotizza per Google anche la violazione della legge antitrust tedesca: il detentore di una posizione dominante sul mercato è infatti tenuto a trattare equamente tutti i clienti, senza discriminazioni. Il solo link potrebbe essere interpretato come una sorta di punizione per gli editori ostili. Oppure no; e se anche fosse, nulla ne consegue rispetto alle richieste economiche per diritto di riproduzione.

Si scriveva che le liti tra Uber e tassisti non riguardano tanto le licenze, ma sono un braccio di ferro tra una multinazionale e una miriade di municipalità su chi decida le regole. La situazione qui è molto simile, con una differenza: si litiga nel mercato creato e organizzato da Google. Alzare la voce con chi detiene la piattaforma difficilmente può essere vincente. Ne sanno qualcosa gli operatori telefonici sulla rete fisica in mano a Telecom Italia, o Italo su una rete ferroviaria di fatto amministrata da un concorrente.

Non è ancora un caso di stato contro azienda, in Germania, dato che il Bundesrat ha deciso di legiferare in modo ambiguo così da compiacere gli editori e lasciare uno spazio a Google, probabilmente per prendere tempo senza sporcarsi troppo le mani. Solo per ora; i politici non hanno capito che ricerca e pubblicità online sono terreno economico strategico come le ferrovie o la grande distribuzione. Su quel terreno, recita la legge senza saperlo, la nazione tedesca non ha giurisdizione. Gli editori se ne stanno accorgendo. Per i politici è solo questione di tempo.




Lucio Bragagnolo (@loox) è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa con entusiasmo di mondo Apple e digitalizzazione a scuola e in azienda. Dal 2015 è membro del comitato tecnico-scientifico di LibreItalia. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia. Insieme a Luca Accomazzi è autore per Apogeo dei manuali su OS X, tra i quali OS X Server e i recenti OS X 10.11 El Capitan e OS X oltre ogni limite. Con Swift ha fatto tutto da solo.

In Rete: macintelligence.org

Letto 2.912 volte | Tag: , , , , , , , , , ,

2 commenti

  1. Simone Aliprandi

    vedo stretti collegamenti con questi altri articoli di qualche mese fa:
    “La tassa sui link” http://www.apogeonline.com/webzine/2013/03/13/la-tassa-sui-link/ — “Libertà di linking” http://www.apogeonline.com/webzine/2014/02/20/liberta-di-linking

  2. Lucio Bragagnolo

    Vero! Vedrò più tardi di emendare l’articolo con i riferimenti. Grazie mille!

Lascia il tuo commento