3 Commenti

Derivato dalla libera enciclopedia

Il libero database

di

thumbnail

12

apr

2012

Affascinante, l’idea di separare i dati puri dalla massa di contenuti dell’enciclopedia libera, e renderli liberamente consultabili.

In occasione di un articolo scritto per una rivista scientifica, dedicato alla tutela dei database, mi sono occupato di un progetto che mi aveva incuriosito molto e che mi era servito come singolare caso di studio. Si trattava di Dbpedia, promosso da alcune università tedesche e mirato all’estrazione e semantizzazione di informazioni strutturate da Wikipedia, in modo da creare una grande database parallelo a Wikipedia e da essa derivato.

Al di là delle elucubrazioni giuridico-dottrinali che un caso del genere può stimolare nella mente di chi si occupa di proprietà intellettuale, mi aveva affascinato molto l’idea di separare dai vastissimi contenuti presenti su Wikipedia i dati, le informazioni nude e crude, e metterle a disposizione nel Web con criteri standard di tagging e archiviazione; ovviamente con una licenza libera (la stessa di Wikipedia) in ottica open data.

Nei giorni scorsi è stato annunciato invece il progetto Wikidata, praticamente la versione più di largo respiro di Dbpedia promossa in via ufficiale da Wikimedia Foundation.

Sulla pagina di presentazione del progetto si legge:

Wikidata mira a creare una conoscenza di base libera riguardo il mondo che possa essere letta e modificata dagli umani e dalle macchine allo stesso modo. Essa fornirà dati in tutte le lingue dei progetti Wikimedia, e consentirà un accesso ai dati centralizzato in modo simile a quanto fa Wikimedia Commons per i file multimediali. Wikidata è stato proposto come progetto ospitato e sostenuto da Wikimedia.

Il progetto, che ha già un logo e linee guida abbastanza dettagliate, è dichiarato in fase sperimentale e in attesa di approvazione definitiva, ma il lavoro di sviluppo della piattaforma dovrebbe partire nel marzo 2013.

Un aspetto ancora non molto chiaro è proprio la scelta della licenza. Come appunto facevo notare in quel mio articolo, una licenza come la Creative Commons by-sa (appunto quella di Wikipedia) potrebbe non rivelarsi la più adeguata, dato che si tratta di un database e non di un’opera creativa.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 15.451 volte | Tag: , , , , , , , , , , , ,

3 commenti

  1. eugenio tacchini

    Ho lavorato al progetto DBpedia a Berlino ed e’ in effetti un progetto molto affascinante. Giusto un paio di aggiunte: 1) DBpedia non contiene solo (alcuni) dati di wikipedia ma anche dati appartenenti ad altri dataset (es. Musicbrainz) 2) un servizio per certi versi analogo ma commerciale e’ freebase (freebase.com) e l’azienda che lo offre e’ stata acquisita da google.

  2. Simone Aliprandi

    ottime aggiunte! grazie.

  3. Neo-Machiavelli

    La proprietà inteletuale è importante ma dificile da legalizare di forma a premiare autori per stiularli a produrre più e meliore ma allo stesso tempo divulgare l’impotante.

Lascia il tuo commento