Rassegne

Il giorno di Dada

di Federico Fasce

thumbnail

23

Nov

2007

Quel che si dice in Rete. Dada, i media e la Rete. Nel 2010 si chiuderà? Facebook e l'etnia. Niente Leopard per i vecchi Mac

D-Day, i media incontrano la Rete. Al Dada Day si discute dei rapporti tra Internet e i media, con un occhio particolare al giornalismo e alla musica. Alessandra Carboni di Visionpost racconta quel che si è detto. Luca Mascaro individua i punti principali della prima tavola rotonda, a cui ha partecipato, mentre Elisondo critica alcune dichiarazioni dei rappresentanti dei media tradizionali, pronti a cavalcare l'onda della rivoluzione, ma in fondo ancora fuori dalle logiche della Rete. Anche Nicola Mattina racconta la sua giornata, soffermandosi sugli interventi dei blogger, mentre Alberto D'Ottavi spiega come l'audience abbia dimostrato un maggiore contatto con la realtà rispetto ai relatori. Massimo Mantellini racconta delle parole scambiate con il consulente del Ministro Gentiloni, e Napolux racconta il suo intervento, criticando le posizioni di molti partecipanti.

2010 l'anno del crollo? Secondo un articolo del Corriere Internet nel 2010 si saturerà per il troppo traffico. Enzo Zadrima propone una soluzione possibile al problema, mentre Johnnie Maneiro paragona la notizia al panico generato dal Millennium Bug. È ottimista anche Stefano Quintarelli, che spiega perché in realtà non ci sia da preoccuparsi. Akille fa un po' di ironia sull'articolo.

Facebook e le ricerche. MediaMeter commenta una serie di dati che arrivano da uno studio della Northwestern University su Facebook, che spiega come il social network sia connotato per etnia ed estrazione sociale. Sembra confermarlo anche lo studio di Paul Francis, riportato da Alessio Jacona, che parte dalla piattaforma pubblicitaria di Facebook per rilevare una forte presenza femminile. Riguardo al sistema di pubblicità arriva la critica di Luca De Biase, secondo cui gli utenti di Facebook potrebbero diventare meno spontanei e più freddi.

Niente Leopard per i vecchi Mac. Andrea Beggi ha avuto una brutta esperienza con Leopard installato su un iBook G4. Raccontando la sua esperienza, spiega perché evitare l'upgrade.