Nessuno è invulnerabile

Riccardo Meggiato: io e… la sicurezza

di

thumbnail

15

set

2017

Continuano i #saldiAPOGEO e li celebriamo insieme a un autore che dieci anni fa avrebbe avuto un pubblico diverso.

Ci fu un tempo in cui il tema della sicurezza informatica neanche era un tema; interessava al limite una cerchia ristrettissima di addetti ai lavori, su una serie assai limitata di tematiche. Prima dei PC, della rete, del web.

Oggi è impossibile prescinderne, anche se il computer lo usiamo per giocare, anche se facciamo tutt’altro lavoro. Dallo home banking alla riservatezza dei dati fino alle foto private, la sicurezza interessa – deve interessare – chiunque. Ecco perché siamo lieti di pubblicare questa chiacchierata con un autore-simbolo di questo cambiamento.

Io e… la sicurezza

Apogeonline: Sintetizza il panorama attuale nel tuo settore.

Riccardo Meggiato: Mai come ora siamo vulnerabili.

Qual è stato il libro più interessante per la tua professione che hai letto ultimamente?

The code book: the science of secrecy from ancient Egypt to quantum cryptography di Simon Singh.

Qual è stato il cambiamento tecnologico fondamentale per il tuo lavoro negli ultimi cinque anni?

Software più accessibili e veloci da usare per effettuare l’analisi forense di dispositivi mobile.

Tre cose che un esperto di sicurezza deve fare ogni giorno.

  • Riposare: è un lavoro che richiede lucidità. Ogni minima disattenzione può compromettere il lavoro e, quindi, la protezione di chi ti ingaggia.
  • Fare sport: ti insegna a essere più concentrato.
  • Studiare: ritagliarsi non meno di uno o due ore, ogni santo giorno, per tenersi aggiornati. E per studiare intendo studiare davvero, coi libri, l’evidenziatore, il blocco degli appunti.

Come vedi, niente che abbia direttamente a che fare con la sicurezza. Il motto Security is a process, not a product è assolutamente vero, ma si spiega soprattutto con pratiche che hanno a che fare più con lo stile di vita che con le competenze. Quelle devono esserci per forza. La differenza, a quel punto, la fa il resto.

Qual è l’aspetto del tuo lavoro che continua a piacerti nonostante l’abitudine?

Che cambia di continuo, giorno dopo giorno. Nuove minacce, nuove tecnologie, nuovi problemi da affrontare e, quindi, nuove sfide. Per questo, non ci fai manco l’abitudine: ti sembra di fare un nuovo lavoro ogni giorno e credo che questo sia anche il segreto per rimanere in sella. Nel momento in cui questo lavoro diventa abitudine, significa che non fa più per te o che c’è qualcosa che non va.

Io e… gli ebook

Che vantaggio fondamentale trovi nel leggere ebook?

Il poter leggere decine e decine di libri diversi senza portarmeli appresso. Una manna, per uno come me che ne consulta vari contemporaneamente.

Quale dote apprezzi di più in un ebook fatto come si deve?

L’impaginazione. Di solito quella fatta bene rimane appannaggio delle edizioni cartacee, ma ultimamente ci sono ebook che si fanno valere anche sotto questo punto di vista.

Qual è stato il tuo primo testo pubblicato in formato ebook?

Se non erro, il primo volume de L’investigatore informatico. La versione ebook uscì nell’autunno del 2010.

L'investigatore informatico

Una figura professionale di questo tempo.

 

In quale momento della giornata ti trovi più spesso a leggere un ebook?

Gli ebook li uso per la manualistica, principalmente, quindi durante tutto l’orario lavorativo. Quindi più o meno quindici ore al giorno!

Io e… il futuro prossimo

Qual è la prossima sfida professionale che ti attende?

Ce ne sono tre di grosse. Il nuovo libro per Apogeo, il più complesso e affascinante che abbia mai scritto. La startup di software biomedici che ho lanciato lo scorso anno e che sarà annunciata di tutto punto entro pochi mesi. Una serie di penetration test, per alcune multinazionali, davvero molto stimolante.

Come vedi i prossimi tre anni di evoluzione del tuo settore?

È un settore che sottende al giochino delle guardie e dei ladri, quindi tendenzialmente si rincorrono i ladri, per lo meno nelle minacce di nuova generazione. In questo senso, l’evoluzione del settore sarà molto legata a quella del crimine informatico. Mi aspetto che si lavorerà ancora di più su sistemi cloud e Internet of Things. Sarà una sfida difficile ma eccitante, che in parte ho già iniziato a vivere.

Qual è il libro che ancora non sei riuscito a scrivere?

Quello che sto scrivendo ora per Apogeo e lo dico sinceramente. Avevo bisogno degli stimoli e dell’energia mentale giusti. Da un po’ di tempo sono carico a mille e ho capito che era il momento giusto. Mi pongo sempre obiettivi a portata di mano e arrivare al momento in cui so di poterne raggiungere uno di nuovo mi fa stare bene. Sono una persona molto fortunata.

Qual è il prossimo ebook che intendi leggere?

Origin, il nuovo libro di Dan Brown. Come da tradizione per ogni suo libro, comprerò la versione ebook appena disponibile in lingua originale e poi in versione cartacea quando uscirà in italiano.

…e tu?

È tempo di #saldiAPOGEO!

Impara qualcosa di nuovo, aggiornati, approfondisci.

Da oggi al 20 settembre tutti i nostri ebook su computer, lavoro e tempo libero costano la metà. Li trovi su LaFeltrinelli, Kobo, Google Play Book, BookRepublic, IBS, Amazon.

Le offerte non finiscono qui: scopri di più.




Riccardo Meggiato (@rickymeggiato), dopo la programmazione di videogiochi e di sistemi di intelligenza artificiale, si è dedicato al mondo della divulgazione tecnologica realizzando centinaia di articoli e tutorial. Apprezzata firma del magazine Wired Italia, per Apogeo è autore di numerose pubblicazioni. Tra i suoi più recenti successi troviamo Il lato oscuro della ReteL'hacker dello smartphoneSherlock Holmes al computerFacebook – Guida all’hacking e Spia nella Rete.

In Rete: riccardomeggiato.com

Letto 2.190 volte | Tag: , , ,

Lascia il tuo commento