Prendeteli tutti! I server, s'intende

Gotta Catch’em All

di

thumbnail

19

lug

2016

Quella pantofolaia di mia figlia mi chiede se l’accompagno a una passeggiata di cinque chilometri. Strabuzzo e approfondisco.

Antefatto, a totale beneficio degli speleologi che fossero appena riemersi da una esplorazione di una settimana. È stata lanciata una app chiamata Pokémon Go in cui il giocatore vede una cartina della zona dove si trova e indicati su di essa alcuni punti da raggiungere. Scopo del gioco è approvvigionarsi di creaturine, i Pokémon appunto, che appaiono in giro.

Un francobollo giapponese dedicato a Pikachu, il più fanoso personaggio dei Pokémon

Un Pokémon. Sono noti anche a un filatelico.

Chi guarda sullo schermo dello smartphone vede l’ambiente circostante (cortesia della fotocamera) e sovrapposte le immagini dei mostriciattoli. Sulla cartina appaiono anche i Pokestop, dove ci si rifornisce, e le palestre, dove i Pokémon combattono tra di loro e crescono.

È stato un successo planetario. Mentre scrivo, sabato 16 luglio, il gioco è disponibile in 26 nazioni tra cui la nostra, sta per venire lanciato in altre 200, non c’è adolescente che non lo conosca (e molti ci giocano), in borsa il titolo del produttore ha registrato un balzo dell’86 percento.

Qualcuno s’è schiantato in auto mentre provava contemporaneamente a guidare e catturare Pokémon, qualcun’altro s’è fatto ricoverare per esaurimento dopo una giornata passata a caccia di mostriciattoli, alcuni rapinatori geniali hanno fatto il pieno appostandosi in un Pokestop appartato, e a New York più di una persona ha rischiato la morte calpestata da una folla alla caccia di un Pokémon raro.

Forse di maggior interesse ai lettori di Apogeonline è il fatto che tutto ciò avviene nonostante il fatto che il gioco sia molto uno punto zero beta uno: va in crash e ogni spesso non riesce a trovare un server libero.

La schermata di Pokémon Go che appare quando il programma non riesce a collegarsi con il sistema centrale

Pokémon Go getta la spugna abbastanza di frequente.

I server centrali che registrano gli accessi dei giocatori, i loro successi e i loro scontri sono parte dell’infrastruttura Google Cloud. L’infrastruttura Google ha retto bene all’impatto, non ha avuto crolli recenti; i problemi dunque dipendono dal software Pokémon Go che ci gira sopra. Niantic, l’azienda che l’ha sviluppato, usa Java, linguaggio certamente adatto, quindi c’è da scommettere che le difficoltà di questi primi giorni dipendano da ingenuità dei programmatori che verranno risolte man mano che il codice viene irrobustito dagli autori.

Niantic aveva inizialmente progettato di lanciare il gioco solo in Australia per eseguire una specie di beta test di massa, ma una copia pirata dell’app in versione Android è sfuggita ed è stata scaricata da milioni di persone. Presumibilmente questo ha forzato la mano al team e spinto i manager a un lancio prematuro.

Qualcosa hanno già fatto. La versione corrente dell’app si rifiuta di farvi catturare i Pokémon se vi state muovendo a una velocità superiore a 20 chilometri orari, quindi i platani sono salvi. Sono state contenute anche le richieste alla rete dati, pari a circa dieci megabyte per ogni ora di gioco, quindi nessuno diverrà povero per aver sforato il plafond della sua connessione cellulare. Ancora discutibile, invece l’ottimizzazione delle prestazioni della batteria: uso costante del GPS e dello schermo mettono sotto stress gli smartphone meno capaci. E adesso scusate, devo indossare il cappellino rosso e accompagnare mia figlia a fare una lunga passeggiata. Quando mi ricapita un’occasione così?




Luca Accomazzi (@misterakko) ha messo le mani su un calcolatore (Apple) nel 1980 e da allora non le ha quasi mai staccate anche se, avendo una moglie e una figlia, viene da sospettare che qualche pur breve pausa l’abbia trovata. Su Internet dal 1992, si dedica a tempo pieno a scrivere siti – circa trecento da fine 1997 – fermandosi solo per scrivere libri per Apogeo (spesso in sodalizio con Lucio Bragagnolo). L’azienda che ha fondato, Accomazzi.net, è specializzata in commercio elettronico e newsletter.

In Rete: www.accomazzi.net

Letto 2.562 volte | Tag:

Lascia il tuo commento