Il refuso è un bug, la ristampa un update

I libri sono software

di

thumbnail

12

dic

2014

Tipografia avanzata, Unicode, immagini vettoriali, metadati devono diventare ingredienti imprescindibili del libro elettronico.

Questo pezzo non termina tra tre righe, dopo avere segnalato l’articolo Se i libri elettronici sono software, è ora della versione 2.0 di Benjamin Denckla su Publishing Perspectives, solo perché la mia posizione è più radicale.

Denckla è morbido – si è ammorbidito, in realtà – verso la scelta di tanti editori di fare uscire ebook di bassa qualità, riconoscimento ottico dei caratteri dall’edizione stampata e poco o niente di più, pur di entrare rapidamente in un nuovo mercato con un investimento iniziale basso. Dissento: i lettori ricordano la bassa qualità che incontrano, e nel tempo imparano a evitarla. La qualità deve giustificare il prezzo da subito. Il passaggio chiave è tuttavia quello successivo:

Non mi sono ammorbidito troppo: credo che [gli editori] abbiano fatto la cosa giusta con l’intento sbagliato. Ritengono di avere prodotto una conversione a basso costo e avere terminato il lavoro. Credo che abbiano fatto bene a convertire spendendo poco, ma che dovrebbero vedere quelle conversioni come una versione 1.0.

I libri, quando sono elettronici, vanno visti come software. Il software è intrinsecamente affetto da bug, che periodicamente vengono sistemati, e per sua natura evolve adeguandosi all’ambiente in cui funziona.

Roba diversa dai libri di carta, allora? Concezioni diverse dalla cultura editoriale tradizionale? Discutibile. I bug del software sono assimilabili alla presenza di refusi e di inesattezze nel libro cartaceo. Cambia solo la frequenza di aggiornamento, che prima dipendeva strettamente dalla ristampa e ora è più flessibile.

L’evoluzione è faccenda più complessa: mappare le complessità della stampa sulle caratteristiche e le limitazioni dei lettori di ebook non è corretto. E certamente le nozioni tecniche e la cultura da acquisire e integrare nei processi di produzione sono diverse e non banali. L’idea che i libri richiedano programmazione non si concretizza in un giorno.

Le conclusioni di Denckla, che condivido, restano peraltro inoppugnabili. Nel 2015 l’ebook va pensato con metadati, tipografia avanzata e set di caratteri Unicode, immagini vettoriali invece che rasterizzate. I vincoli dati dagli ebook reader vanno sì considerati, come limiti da superare, non come minimo comune denominatore su cui sedersi.

È arrivato il tempo degli ebook 2.0. Se non altro perché la bassa qualità, alla lunga, non paga. Se vogliamo vendere libri elettronici, bisogna farli meritevoli di essere acquistati. E il modo per arrivarci è iniziare a considerarli per quello che sono, ossia software.




Lucio Bragagnolo (@loox) è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa con entusiasmo di mondo Apple e digitalizzazione a scuola e in azienda. Dal 2015 è membro del comitato tecnico-scientifico di LibreItalia. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia. Insieme a Luca Accomazzi è autore per Apogeo dei manuali su OS X, tra i quali OS X Server e i recenti OS X 10.11 El Capitan e OS X oltre ogni limite. Con Swift ha fatto tutto da solo.

In Rete: macintelligence.org

Letto 3.216 volte | Tag: , , ,

Lascia il tuo commento