5 Commenti

Il vero standard dell'editoria digitale

Io editore, tu HTML 5

di

thumbnail

01

feb

2012

I rilasci di formati proprietari per ebook basati su HTML 5, impongono di considerare il peso di questa tecnologia nell’editoria e l’applicazione di EPUB 3.

Jeremy Greenfield (@JDGsaid), direttore editoriale di Digital Book World – polo di aggregazione e divulgazione di conoscenze importante nel panorama internazionale dell’editoria digitale – ha pubblicato un interessante articolo dal titolo evocativo: How Publishers Should Prepare for EPUB 3.

Dopo aver ricordato come al centro delle potenzialità espressive di EPUB 3 ci sia HTML 5, la conclusione raggiunge il centro del bersaglio senza incertezze:

Publishers [...] need to build their own HTML 5 development teams or at least hire a knowledgeable liaison for any vendors they work with.

Insomma, per far fronte alle esigenze del mercato e di EPUB 3, gli editori dovranno allagare i team di sviluppo, introducendo tutto il know-how possibile su HTML 5. Il ragionamento, come si dice, non fa una grinza ma forse pecca di eccessiva fiducia verso la reale diffusione di EPUB 3. Del resto è lo stesso Greenfield a ricordare che:

Many of the features of EPUB 3, as it’s called, can’t currently be rendered by most e-reading software. Meaning, if a book publisher created a new e-book using EPUB 3 to embed a Google map or a Twitter feed, the book wouldn’t work properly on most e-readers.

Il supporto al nuovo standard EPUB e alle sue possibilità enhanced è oggi pressoché nullo. La multimedialità che alcuni motori di rendering presentano o promettono è semmai legata a implementazioni di HTML 5, non certo della specifica EPUB 3, e confinata su determinati device. E lontani da EPUB 3 si muovono due dei principali player del mercato, Amazon (il cui formato KF8 è compatibile solo con Kindle Fire) e Apple (il cui iBooks Author permette di salvare nei formati IBA e IBOOKS entrambi compatibili solo con iBooks sui dispositivi mobili di Cupertino).

Gli editori faranno quindi bene a prepararsi a HTML 5, ma che questo servirà a creare ebook in formato EPUB 3 è ancora tutto da vedere, mentre la necessità di confrontarsi con formati proprietari è più concreta, con tutto quello che potrebbe significare sia in termini di costi, sia di esperienza per l’utente finale, il lettore spinto a scegliere tra ecosistemi chiusi.




Fabio Brivio laurea in Storia Medievale e master in Informatica e Comunicazione, è oggi il Responsabile Editoriale di Apogeo Editore. Si interessa alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni per l’editoria digitale e crede nella sinergia tra scienze umane e tecnologia. Ha ideato e coordinato lo sviluppo della intranet utilizzata dagli editori del gruppo Feltrinelli. Per Apogeo è anche autore di l'Umanista Informatico, ePub per autori, redattori, grafici, Trovare su Internet, Internet per tutti e l'ebook Il mestiere dell'editor. Lo potete trovare in Rete partendo da briv.io oppure in cammino lungo qualche antica via tra Santiago, Roma e Gerusalemme.

In Rete: briv.io

Letto 4.175 volte | Tag: , , , , , , ,

5 commenti

  1. HTML 5 e ePub3

    [...] Da leggere. [...]

  2. L’editoria tra complessità e oscurità | Apogeonline

    [...] di controllare il rendering dei contenuti in più formati, su vari device, su schermi diversi. Un lavoro non da poco perché la tipografia degli ebook ha un’esperienza paragonabile ai primi anni della stampa a [...]

  3. Una strategia a dieci anni | Apogeonline

    [...] questo ha senso pensare a Html5 come al vero standard per l’editoria digitale e vigilare sull’introduzione negli standard web di feature [...]

  4. Epub3, standard di difficile lettura | Apogeonline

    [...] Le cose non sembrano procedere benissimo per Epub3. A sette mesi dalla pubblicazione della Recommended Specification e a un anno dalla prima Proposed Specification, l’implementazione del nuovo standard procede – è un eufemismo – a rilento e inizia a non sembrare del tutto improbabile la possibilità che il formato – se non abbandonato – perda quantomeno di rilevanza (rafforzando di conseguenza la posizione di HTML5 come nuovo standard di fatto). [...]

  5. A Editech una sola editoria, quella scalabile | Apogeonline

    [...] lettura alla fruizione della Rete), e che nemmeno l’IDPF ha piena fiducia nel successo di Epub 3, in favore di HTML5. Le conseguenze di questa scelta non sono trascurabili. L’industria editoriale ha impiegato gli [...]

Lascia il tuo commento