Nuove offerte

Ora tocca al cellulare spingere le Adsl

di

thumbnail

07

set

2009

Nel mercato sempre più saturo delle connessioni a banda larga residenziali ora arriva l’integrazione con i servizi di rete mobile. Fastweb in prima linea, Telecom Italia al palo per legge

Nelle offerte Adsl spunta la rete mobile: arriva a questo estremo la strategia convergente degli operatori italiani, sempre più portati a sommare più servizi in uno stesso canone, a caccia di utenti. È una novità che ha aspettato questo settembre per farsi viva in tutta la propria forza. Settembre, com’è noto agli addetti ai lavori, è un mese molto caldo per la banda larga fissa: gli utenti tornano alle vacanze e fanno mente locale alla ricerca di una nuova offerta per la casa. Gli operatori concentrano in questo mese, quindi, le promozioni e i listini rinnovati, che quest’anno sono all’insegna di bundle di telefonia fissa e mobile, voce e/o internet.

Fastweb

In prima linea, nella nuova tendenza, c’è Fastweb, con un listino rivoluzionato. Adesso mette la banda larga in mobilità in tutte le salse, segno che è passato alla seconda fase della sua avventura come operatore mobile virtuale. Innanzitutto, ha inventato Joy: la prima offerta italiana a integrare banda larga fissa e mobile senza servizi di telefonia voce né canone Telecom, a 29,95 euro al mese (Adsl + 10 ore di Hspa al mese; la chiavetta è inclusa). È interessante appunto per chi vuole navigare anche in mobilità, senza avere telefonate incluse (e se proprio vuole usare la rete fissa per chiamare, può sempre utilizzare il VoIP di un qualsiasi fornitore, su Adsl Fastweb). Altrimenti, per chi non è interessato all’Hspa, ma solo all’Adsl, e vuole le telefonate incluse, allo stesso canone (29,95 euro al mese) ci sono le offerte di Wind, Tele2, Tiscali (tutte senza canone Telecom Italia). Per chi vuole navigare di più, Fastweb ha l’opzione Naviga Mobile (200 ore al mese), abbinabile all’offerta Adsl (Naviga Casa), con o senza telefonate incluse.

Vodafone

L’operatore che si è spinto più avanti nell’integrare servizi mobili con l’Adsl è però, forse, Vodafone. Per due motivi. È stato il primo a includere traffico banda larga mobile nel canone Adsl; a settembre ha lanciato Naviga e Ricarica: per la prima volta in Italia, un operatore offre una ricarica cellulare mensile ai propri utenti Adsl. Chi si abbona a una delle due offerte Vodafone Adsl (più chiamate illimitate con o senza scatto alla risposta), riceve infatti 10 o 20 euro di ricarica omaggio, al mese, ogni sei mesi. La cosa notevole non è tanto il valore del bonus (60-120 euro è più o meno l’importo che è possibile risparmiare, sul canone ufficiale, con le normali promozioni che gli operatori Adsl lanciano di volta in volta); quanto l’idea alla base: trainare utenti Adsl con l’amo del traffico cellulare.

Wind e Tiscali

Meno recenti, ma sulla stessa linea, le mosse di Wind e Tiscali. Il primo fa il bundle fisso-mobile tramite SuperInternet, opzione che permette, agli utenti Tutto Incluso e Libero Absolute, di navigare 50 ore in mobilità a un canone scontato (9,95 euro al mese). Per un confronto: 3 Italia, con 9 euro al mese dà 30 ore. Tiscali si limita per ora a offrire una sim Tiscali Mobile pre-caricata con 50 euro di traffico, agli utenti che si abbonano a Tutto Incluso. Quest’operatore ancora non sta sfruttando al massimo, con bundle, l’essere diventato un mobile virtuale.

Telecom Italia

Telecom al momento ha le armi spuntate, per reagire su questo fronte. Le regole ancora le impediscono di fare offerte che sommino servizi fissi e mobili in un solo canone. Sta provando però da mesi a vincere questo limite, premendo sull’Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) e nelle ultime settimane ha ottenuto il primo traguardo: la bolletta unificata. Adesso è possibile pagare i servizi cellulari (voce e/o internet) sul conto Telecom Italia, cioè la bolletta della rete fissa. Una piccola comodità, che ha  soprattutto il valore di un primo passo strategico verso la convergenza a cui mirano tutti gli operatori.

La strategia

Si potrebbero vedere queste formule come un’ulteriore evoluzione di quella strategia del bundle già analizzata, la cui conseguenza è che ormai conviene solo a pochi utenti prendere l’Adsl singola, separata da servizi telefonici. In realtà c’è di più: gli operatori si trovano sempre più con le spalle al muro, consapevoli che in Italia, prima del previsto, il mercato Adsl è vicino alla saturazione. Sono pochi ormai gli utenti potenziali: quelli senza banda larga ma con un computer. Di qui lo sforzo degli operatori di convincere le famiglie a comprarne uno (lo includono nell’offerta, facendo leva sui netbook). Si pensano varie strategie per aumentare il mercato potenziale. Un’idea è quella, di Telecom, di lanciare Alice Day (in agosto): la prima Adsl giornaliera, con un canone ridotto (3 euro al mese) e poi un costo per ogni giorno in cui ci si connette almeno una volta (2 euro). Le formule che sommano Adsl e rete mobile sono la nuova mossa sotto questo cappello. L’idea è di usare i servizi più popolari in Italia – quelli cellulari – come traino per quelli che stentano ad affermarsi sul grande pubblico (Adsl). Gli operatori giocano insomma sul gap notevole che in Italia c’è tra l’enorme diffusione del cellulare e la scarsa popolarità dell’Adsl, in rapporto con le medie europee. La sensazione è che le offerte finora lanciate siano solo un timido inizio e gli operatori dovranno escogitare mix più attraenti per l’utente per spingere il mercato banda larga fissa verso la tardiva maturità.

Fastweb Naviga Casa + NavigaMobile 20/1 Mbps 33,45 euro al mese per un anno (dopo: 50,90 euro). 59,90
euro di attivazione
Illimitate chiamate nazionali fisse al solo scatto alla
risposta (15 cent)sopra, più 200 ore al mese in Hspa (banda larga mobile
Joy 20/1 Mbps 29,9 euro al mese 10 ore al mese in HSPA (banda larga fuori casa), con
chiavetta modem inclusa
Tiscali Tutto Incluso 10/0,512 Mbps (solo in unbundling) 38,95 euro. 14,95 al
mese fino al 1/1/2010
Illimitate chiamate a numeri fissi nazionali senza scatto
alla risposta. e 30 minuti verso cellulari. Più la sim Tiscali Mobile con 50
euro precaricati per telefonare
Vodafone Tutto Flat 7/0,512 Mbps 39 euro. 49 euro di
attivazione (ma gratis con portabilità numero fisso)
Internet key inclusa con 10 ore al mese fino al 31/12.
Illimitate chiamate da casa senza scatto verso fissi nazionali e, per un
anno, verso Vodafone. No canone Telecom e 20 euro al mese di ricarica
cellulare per sei mesi
Flat 7/0,512 Mbps 29 euro al mese. 49 euro di
attivazione (ma gratis con portabilità numero fisso)
Come sopra, ma per le chiamate si paga il solo scatto alla
risposta (16 cent) e la ricarica è di 10 euro al mese
Wind SuperInternet + Libero Absolute 8/0,512 Mbps 9,95 euro al mese + 29,95
euro al mese. Fino al 31 marzo 9,95 euro al mese
Illimitate chiamate fisse nazionali al solo scatto alla
risposta (12 cent) + 50 ore in Hspa (banda larga mobile), con chiavetta modem
inclusa



Alessandro Longo scrive da anni di tecnologia, su una dozzina di riviste a tiratura nazionale, tra cui L’espresso, Repubblica, Il Sole 24 Ore-Nova24 e Corriere delle Comunicazioni. I suoi interessi ruotano in particolare intorno alla telefonia e al mercato delle connessioni a Internet.

In Rete: www.alongo.it

Letto 5.628 volte | Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Lascia il tuo commento