13 Commenti

Quinta di Copertina

L’Iran, Twitter e i mille occhi dei nuovi media

di

thumbnail

Luca Alagna aka Ezekiel

25

giu

2009

Venti minuti in podcast tra ritagli di carta e bit, in compagnia di un ospite. Oggi con Luca “Ezekiel” Alagna, curatore di un canale di copertura delle (social) news intorno alla protesta in Iran. Qual è il ruolo di Internet e come cambia il modo giornalistico di raccontare e filtrare questi fenomeni

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Continuano in Iran gli scontri. Sia reali, in piazze purtroppo insanguinate, sia dentro il social web (Twitter sopra tutto, in special modo per la sua integrazione con la telefonia mobile) – di fatto l’unico canale, più o meno aperto o aperto a intermittenza, attraverso cui fuoriescono notizie e informazioni di quello che sta accadendo nella repubblica islamica dopo le contestate elezioni presidenziali iraniane che hanno visto la vittoria di Ahmadinejad. È in corso sui social media una sorta di battaglia per la definizione del “frame informativo” e del contesto: e gli attori in gioco sono molti, dai testimoni/citizen journalists ai media tradizionali (ormai pochi rimasti), da chi fuori dall’Iran aiuta tecnicamente o rilanciando i contenuti, alla controinformazione dei governi. Ne abbiamo parlato una settimana fa con Giuseppe Tempestini, ne continuiamo a parlare con Luca Alagna, conosciuto come Ezekiel, consulente per i media digitali dal lontano ’95, che da qualche settimana cura un canale di copertura sulle social news in entrata e in uscita dall’Iran: green revolution. Cercando di farne minima chiarezza, grazie al filtro delle informazioni in ingresso sui nuovi media: «Ho iniziato la scorsa settimana a raccogliere informazioni grazie ai filtri su Twitter, che in quel momento era “tempestato” di informazioni più disparate da tutte le parti in causa (due sono gli hashtag più usati #iranelection e #gr88). Di fatto da una parte Twitter è di fatto l’unico modo per l’opposizione per comunicare all’esterno, dall’altra è diventato un terreno di scontro “comunicativo” utilizzato da chiunque, da tutte le parti in causa anche fuori dall’Iran, a favore e contro la protesta – per esempio anche dallo stesso governo iraniano come territorio dove diffondere elementi di controinformazione».

La ridondanza (e il caos) dei contenuti

L’afflusso di informazioni è così ingente che c’è necessità di qualcuno che riesca a trovare il bandolo giornalistico della matassa: a rimettere in “forma” e dare un “frame” a contenuti spesso caotici e polverizzati. C’è chi ha proposto un ordine di misura per la ricchezza delle hashtag su Twitter o simili: il Tweet per hour appunto: la polverizzazione dei contenuti richiede insomma un vero e proprio nuovo skill anche giornalistico, la capacità di selezionare, filtrare e fare controllo incrociato delle informazioni che arrivano velocissimamente su questi molteplici canali: «In tutto il caos di migliaia di tweet all’ora che arrivano sui canali di pre-aggregazione, sono nascosti delle informazioni utili che provengono da dentro l’Iran, ed è certo difficile se non impossibile a primo sguardo selezionare le informazioni utili. Ma paradossalmente è un caos produttivo. E’ proprio questo caos che permette alle informazioni di essere via via confermate, di capire quali sono i filoni informativi da seguire: se un contenuto è confermato da più fonti, trova corrispondenza in altre notizie, viene “retwettato”, replicato. Il numero di re-tweet è una prima misura che screma le informazioni interessanti dal rumore di fondo, dalla controinformazione, dalla ridondanza. E’ un controllo incrociato formidabile, fatto da migliaia se non milioni di persone quasi in tempo reale, e spesso le notizie che escono fuori sono più affidabili di quelle che possono provenire da un media broadcast tradizionale, facilmente controllabile dall’alto. La scoperta della “affidabilità” distribuita e della non controllabilità dei media sociali non farà piacere a molti. Ma tutto questo non è la morte del giornalismo. E’ semmai il cambiamento del giornalismo come lo conosciamo oggi. Un cambiamento del modo di trovare e valutare le fonti, di trattare e controllare l’informazione, ecc: anzi dal confronto con la ricchezza di questo contesto, il giornalismo migliore potrebbe venirne esaltato ».

La battaglia delle fonti

Niente è sicuro, tutto è in movimento. Tutto deve essere verificato e riverificato, secondo per secondo: «Prendiamo una fonte “fissa”, seppur online, come il blog ufficiale dell’opposizione Ghalam News: le notizie che provengono da questi siti o blog devono essere comunque e sempre verificate. E’ una grande differenza con il modo di raccogliere notizie cui eravamo abituati fino ad oggi e fuori dal web. Il sito Ghalam News appunto potrebbe darci informazioni completamente contrastanti la mattina rispetto alla sera, perché continua ad essere hackerato e “passare di mano” tra governo e opposizione. E’ inutile e sbagliato affidarsi ad una sola fonte. Bisogna saper gestire più fonti contemporaneamente, per costruirsi uno scenario sensato, e filtrato collettivamente. ». Ultimamente poi Internet viene chiuso e aperto ad intermittenza, e c’è probabilmente e insieme una strategia e una necessità: «In alcuni momenti della giornata Internet è “aperto”, in altri è “spento”: è molto plausibile che il governo iraniano stia anche usando la Rete per controllare e monitorare le informazioni e risalire ai singoli dissidenti. E’ quindi per questo che Internet non viene “chiuso” completamente, al di là delle difficoltà tecniche. Ma ci sono anche motivi “politici”: il primo è che l’Iran ha bisogno anche dell’appoggio del mondo arabo e la chiusura completa delle comunicazioni digitali porterebbe imbarazzo diplomatico nei paesi più moderati della lega araba. Il secondo è che lo spegnimento di Internet potrebbe essere un boomerang anche nel fronte interno, perché colpirebbe anche chi è più tradizionalista e filo-governativo e non sostiene la protesta».

Articoli segnalati e risorse:




Letto 14.668 volte | Tag: , , , , , , , , , , , , ,

13 commenti

  1. Twitter e la situazione iraniana

    [...] Via Apogeonline Continuano in Iran gli scontri. Sia reali, in piazze purtroppo insanguinate, sia dentro il social web (Twitter sopra tutto, in special modo per la sua integrazione con la telefonia mobile) – di fatto l’unico canale, più o meno aperto o aperto a intermittenza, attraverso cui fuoriescono notizie e informazioni di quello che sta accadendo nella repubblica islamica dopo le contestate elezioni presidenziali iraniane che hanno visto la vittoria di Ahmadinejad. È in corso sui social media una sorta di battaglia per la definizione del “frame informativo” e del contesto: e gli attori in gioco sono molti, dai testimoni/citizen journalists ai media tradizionali (ormai pochi rimasti), da chi fuori dall’Iran aiuta tecnicamente o rilanciando i contenuti, alla controinformazione dei governi. Ne abbiamo parlato una settimana fa con Giuseppe Tempestini, ne continuiamo a parlare con Luca Alagna, conosciuto come Ezekiel, consulente per i media digitali dal lontano ‘95, che da qualche settimana cura un canale di copertura sulle social news in entrata e in uscita dall’Iran: green revolution. [...]

  2. [...] pensiamo al twitter-giornalismo, per citare non solo un argomento di attualità ma anche un settore economico storicamente al [...]

  3. [...] Alagna che, da qualche tempo, si sta dedicando all’aggregazione su friendfeed di notizie sull’Iran e recentemente ha creato [...]

  4. I blog, il web sociale e il filtro delle cozze | Apogeonline

    [...] scorse settimane ne abbiamo parlato con alcuni protagonisti ed esperti, da Giuseppe Tempestini a Luca Alagna (aka Ezekiel): entrambi intorno alla protesta in parte analogica e in parte digitale in Iran. E [...]

  5. Dopo le elezioni, verso la trasparenza | Apogeonline

    [...] in Iran (di cui si è parlato anche al Pdf), sono online le interviste a Giuseppe Tempestini e Luca Alagna. Articoli segnalati e [...]

  6. [...] Le aziende non dovrebbero ostacolare i dipendenti nell’utilizzare gli strumenti di comunicazione contemporanei. La verità è che non si può impedire loro di utilizzarli definitivamente. Basta guardare la situazione in Iran e la diffusione di notizie tramite Twitter. [...]

  7. [...] comunicazione e al dialogo con i propri lettori, spettatori, elettori fino al vero e proprio nuovo giornalismo per comunicare in tempo reale cosa sta accadendo in qualche angolo di mondo. I messaggi su Twitter [...]

  8. Happy Birthday Twitter | Tiragraffi

    [...] sul web. In questi ultimi 2 ani è stato protagonista di grandi eventi, come le rivoluzioni in Iran, Libia ed Egitto, e di tanti piccoli cambiamenti nella vita di tutti. Dal modo in cui si raccolgono [...]

  9. 2011, un anno, che anno. #yearinhashtag #remix » stilografico

    [...] ad approfondire su Twitter il valore di un modo diverso di comunicare, di informarsi, di aggregarsi in cui credo molto dal 2009 e che ha indubbiamente ancora un bel po’ di strada da fare per essere considerato [...]

  10. [...] Nelle scorse settimane abbiamo parlato anche di questo, prima con Giuseppe Tempestini e Luca Alagna: entrambi intorno alla protesta in parte analogica e in parte digitale in Iran. Oggi parliamo della [...]

  11. un modo nuovo di esplorare l’informazione » stilografico

    [...] iniziai a sperimentare l’aggregazione di news su Twitter nell’estate del 2009 il mio sogno era di condividere i filtri che raffinavo giorno dopo giorno mediante nuovi strumenti, [...]

  12. [...] del citizen journalist può aiutare, completare, arricchire l’informazione come accadde con le rivolte in Iran nel 2009. Quando i movimenti sono limitati e i mezzi tecnici incerti il giornalismo dal basso può offrire [...]

  13. [...] del citizen journalist può aiutare, completare, arricchire l’informazione come accadde con le rivolte in Iran nel 2009. Quando i movimenti sono limitati e i mezzi tecnici incerti il giornalismo dal basso può offrire [...]

Lascia il tuo commento