Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Warner Bros e il P2P

01 Febbraio 2006

Warner Bros e il P2P

di

L’azienda cinematografica ha deciso di lanciare "In2Movies", un nuovo servizio basato sulla tecnologia P2P

A quanto pare anche la Warner Bros., dipendente dal colosso Time Warner, intende avvalersi della tecnologia peer-to-peer (P2P) per vendere online filmati di sua produzione. Il servizio dovrebbe chiamarsi “In2Movies”, avrà per trampolino di lancio la Germania, e dovrebbe partire dalla prossima primavera.

La Time Warner ha così deciso di entrare nel mondo del commercio online utilizzando una tecnologia già sperimentata e intrapresa da altre aziende per le notevoli potenzialità che è in grado di offrire.

I film e i telefilm messi a disposizione dell’utente non saranno soltanto quelli prodotti dalla Warner Bros. (ad esempio “Harry Potter e il calice di fuoco” e “The O.C.”), ma anche programmi tedeschi, prodotti nello stesso Paese che dovrebbe far da culla al lancio del nuovo servizio.

Il peet-to-peer, anche se è in grado di apportare cambiamenti positivi nella diffusione dell’intrattenimento online, è stato per molto tempo un servizio temuto, quasi odiato e considerato pericoloso sia dall’industria dell’intrattenimento sia dalle case discografiche.

Il network del servizio In2Movie sarebbe comunque protetto dalla diffusione non autorizzata di filmati.

Infine, per quanto riguarda il non meno importante lato economico, i film saranno venduti ad un prezzo simile a quello di un DVD.

Non resta che attendere qualche mese e vedere se una delle aziende cinematografiche più importanti del mondo riuscirà a sfruttare al meglio il peer-to-peer per promuovere il proprio servizio.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.