REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Usa: in dubbio la costituzionalità del Children’s Internet Protection Act

05 Luglio 2002

Usa: in dubbio la costituzionalità del Children’s Internet Protection Act

di

La Corte Suprema degli Stati Uniti si pronuncerà, verosimilmente nei primi mesi del 2003, sulla costituzionalità della legge che impone alle biblioteche di installare dei filtri per impedire l'accesso ai siti pedofili. Il "Children's Internet Protection Act" è stato ritenuto, da un giudice di Filadelfia, in contrasto con il primo emendamento

Il Dipartimento della giustizia americano ha chiesto nei giorni scorsi l’intervento della Corte Suprema perché si pronunci sulla costituzionalità della legge che subordina la concessione delle sovvenzioni federali alle biblioteche che offrono ai loro utenti la possibilità di accedere a Internet, all’adozione di sistemi di filtraggio dei siti pornografici o pedofili.

La richiesta di intervento al supremo organo di giustizia americano è stata determinata dalla decisione con la quale, il 30 maggio scorso, una corte distrettuale dello Stato della Pensilvania ha ritenuto incostituzionale il “Children’s Internet Protection Act” in considerazione delle gravi limitazioni alla libertà di espressione determinate dall’utilizzazione dei sistemi di filtro e “dell’esistenza di misure alternative meno restrittive”.

In particolare, si legge nella sentenza, i programmi-filtro installati dalle biblioteche finiscono per bloccare l’accesso non solo ai contenuti illeciti, ma anche ai siti che trattano di salute e di sessualità, nonché a un gran numero di pagine Web non offensive né per gli adulti né per i minori.

Il Dipartimento della giustizia sostiene, invece, che la legge contestata non violi il primo emendamento, in quanto gli enti interessati possono stabilire le modalità attraverso le quali la tecnologia di filtraggio deve essere utilizzata e sono liberi di non utilizzarla, salvo “semplicemente” perdere il diritto alle sovvenzioni.

È interessante notare, a questo proposito, che circa il 10% degli americani che accedono a Internet si serve delle biblioteche pubbliche.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.