FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Un’arma micidiale: batte pure la cellulite

28 Aprile 2006

Un’arma micidiale: batte pure la cellulite

di

Uno dei laser più potenti del mondo (è costato finora 600 milioni di dollari) ha dimostrato un eccellente potenziale nel combattere il grasso in eccesso

Il Thomas Jefferson National Accelerator Facility è da qualche anno impegnato all’avanguardia della tecnologia con lo sviluppo del Free Electron Laser, un potentissimo laser a elettroni liberi. Mentre i laser tradizionali emettono luce di un solo, prefissato colore (come uno strumento che possa emettere una nota sola, sia pure ad altissimo volume), il FEL può emettere luce laser di varie frequenze, come uno strumento accordabile. Questo permette una grande varietà di utilizzi e una straordinaria flessibilità nella sperimentazione. Basta inserire nello strumento i parametri desiderati ed ecco che lo strumento emette una terrificante luce laser che presto coprirà dall´infrarosso all´ultravioletto.

Dalla difesa al civile, è grasso che cola

Una volta entrato in funzione, lo strumento ha attirato l’attenzione della marina. La US Navy ha dunque abbondantemente finanziato la struttura, nell’ambito di una ricerca mirata allo sviluppo di un raggio della morte in grado di proteggere le imbarcazioni militari. L´obiettivo è di arrivare allo sviluppo di un arma che possa fare quello che oggi alle armi normali risulta difficilissimo: abbattere in volo i missili da crociera antinave con pochi secondi di preavviso (una versione operativa dovrebbe però essere 100 volte più potente del già fantascientifico FEL). Il FEL è comunque solo una parte di un più grande centro di ricerca, un progetto costato 600 milioni di dollari e che necessita di altri 70 milioni all’anno per funzionare.

Così, un po’ per favorire l’avanzamento della scienza, un po´ per ottenere delle buone Pr e forse un po’ per aprirsi nuove fonti di revenue provenienti dall’industria privata, il centro ha messo a disposizione di ricercatori medici il suo mostruoso laser da 10 kilowatt. E quale applicazione ad alto potenziale di mercato si poteva esplorare, se non il successo nell’infinita lotta contro la cellulite, impari battaglia in cui le consumatrici non esitano mai a metter mano al portafoglio?

Dopo prime prove tecniche condotte con scarti provenienti da operazioni chirurgiche, si è passatia testare il disintegratore su porzioni di maiale. E il miracolo si é compiuto (un video illustra il processo). Selezionando la lunghezza d’onda adatta, il laser è riuscito a scaldare il grasso animale, senza danneggiare la pelle circostante (pare che alcuni ricercatori abbiano avviato un progetto parallelo e segreto volto ad impiegare il FEL per ottenere la perfetta cottura della pancetta per il mattutino eggs and bacon del personale del laboratorio). È quindi aperta la strada per un laser anticellulite, anche se sarà necessario un complesso lavoro di ingegnierizzazione: il FEL è infatti alimentatoda un acceleratore di particelle e si trova più a suo agio in un campo da calcio che in uno studio di estetista.

Batterà cellulite, arterosclerosi e acne perniciosa?

In realtà le applicazioni dell’incredibile raggio in campo medico si estendono potenzialmente anche alla distruzione delle placche che otturano le arterie e alla cura dell’acne più devastante (affezione oggi curabile con medicine così dannose per il feto che negli Stati Uniti si richiedono, prima di prescrivere questi farmaci, due test di gravidanza consecutivi e l’impegno ad usare contemporaneamente almeno due metodi contraccettivi).

Di sicuro, comunque, qualsiasi altra applicazione non potrà mai competere, dal punto di vista del mercato, con la prospettiva di una bacchetta magica pronta a ridurre il grasso in eccesso. Non ci resta dunque che attendere fiduciosi, sperando che il super laser possa presto gettare una nuova luce sul nostro grasso superfluo.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.