Home
Una ricerca controversa

21 Aprile 2008

Una ricerca controversa

di

Quel che si dice in Rete. Universal McCann rivaluta l'Italia. Ripubblicazione, la piaga dei contenuti. Britannica apre ai blogger

La ricerca che fa discutere. Una ricerca di Universal McCann evidenzierebbe uno stato della rete – in Italia – tutt’altro che scoraggiante. Mauro Lupi riassume i numeri più importanti, tra i quali svettano gli oltre tre milioni di cittadini con un blog. Dato a cui Massimo Mantellini rifiuta di credere. Anche Stefano Epifani è scettico, e ha dubbi sulla metodologia utilizzata. Ma per The Marketer il dato è plausibile; solo, non si tiene conto della vera massa dei blog.

La piaga della ripubblicazione. Carlo Odello lamenta un certo dilagare della ripubblicazione di articoli e post da parte di blogger e giornalisti. Intanto MediaMeter spiega come in Rete si stia cercando di rendere utile il fenomeno attraverso l’aggregazione.

Britannica strizza l’occhio ai blogger. Tiziano Fogliata commenta la decisione di Enciclopedia Britannica di aprire i suoi contenuti a chi tiene regolarmente un blog.

TwitterCamp e progetti italiani. Vincenzo Caico racconta come ha vissuto il Twittercamp e parla di un progetto che lo ha colpito.

Cosa manca all’Internet delle cose. Davide Casali riflette sull’Internet delle cose, scoprendo che manca ancora un tassello perché tutto funzioni davvero.

Ora anche in volo. Antonio Dini non è convinto della possibilità di utilizzare il cellulare in volo. E il problema non pare essere la sicurezza.

La noia di Facebook. Giovanni Boccia Artieri spiega le dinamiche dietro a Facebook, rilevando una diffusa disaffezione al mezzo.

Neutralità: non perdiamola di vista. Luca De Biase mantiene alta l’attenzione sul tema della neutralità della Rete.

Microsoft è parodia di se stessa. Nicola D’Agostino indaga su un video di Microsoft che ha suscitato parecchie perplessità.

L’importanza della serendipity. Federico Giacanelli spiega attraverso un episodio vissuto l’importanza di una connessione always-on.

Frets on Fire, chitarre open source. Pietro Izzo si diverte con Frets On Fire, versione open dei videogame rock basati sulla chitarra.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.