RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Una casalinga californiana cita in giudizio Microsoft

13 Ottobre 2003

Una casalinga californiana cita in giudizio Microsoft

di

In California una madre di famiglia, rimasta vittima di un hacker, ha presentato ricorso contro Microsoft, ritenendolo responsabile per l'accaduto, a causa della scarsa sicurezza dei suoi prodotti

Altra grana in arrivo per Microsoft, che è stata citata in giudizio, il 30 settembre scorso, da una signora californiana che l’ha ritenuta responsabile per il furto dal suo PC, avvenuto -dice – via Internet, di suoi dati personali, tra cui nome, numero di sicurezza sociale, numero della carta di credito, ecc.

La signora imputa questa usurpazione di dati a Microsoft, essendo stata effettuata da un pirata informatico che, evidentemente, ha scoperto le falle del sistema operativo e di un software – entrambi prodotti da Microsoft – installati sul proprio computer. La ricorrente invoca, perciò, una legge californiana relativa alla protezione dei consumatori.

Nella denuncia, però, non figura il modus operandi del “ladro”, né il nome del software.

La ricorrente ha affermato che la posizione dominante di Microsoft nella produzione di software per PC rappresenta un rischio su scala mondiale per la sicurezza degli utenti, essendo Internet sempre minacciato “da guasti massivi, concatenanti a cascata”.

La cosa più fastidiosa per Microsoft, è che l’astuta signora californiana ha domandato che la sua azione venga qualificata come “ricorso collettivo” (class-action).

La ricorrente ha inoltre chiesto alla Corte che Microsoft venga condannata a migliorare l’attuale sistema con cui vengono comunicati i problemi di sicurezza che vengono riscontrati nei suoi prodotti.

Dal suo punto di vista, infatti, quest’ultimo risulta essere più nocivo che utile per gli utenti, perché ogni comunicazione di Microsoft è, in realtà, utilizzata innanzitutto dagli hacker, per scopi illeciti.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.