REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Un uomo a Google I/O (per tacer del portafogli)

20 Giugno 2013

Un uomo a Google I/O (per tacer del portafogli)

di

Una grande macchina comunicativa e tante cose più o meno interessanti, ma nessuna vera novità sostanziale da ricordare.

Il raduno mondiale degli sviluppatori interessati alle piattaforme e alle tecnologie dalla ricerca web ai sistemi operativi per smartphone, Android su tutto, è cominciato all’insegna di grandi aspettative per chiudersi in tono minore.

Partito per assistere di persona all’evento con tantissimo entusiasmo nonostante una fastidiosissima tosse, devo infatti ammettere che sono rimasto piuttosto deluso dagli esiti. Molto più di quanti si sono lamentati duramente per non essere riusciti a ottenere un ingresso a causa del cattivo funzionamento della registrazione:

La procedura è completamente inaccettabile per un’azienda che allinea alcuni dei più bravi ingegneri software al mondo. La prima azienda web sul pianeta dovrebbe saper fare meglio di così.

Problemi di e-commerce AJAX a parte, non mi aspettavo di certo l’annuncio di tecnologie fantascientifiche e nemmeno di tornare con la borsa piena di dispositivi, ma sicuramente pensavo di tornare arricchito nelle mie conoscenze.

Quello che è stato mostrato è abbondantemente accessibile via web sul sito di Google I/O. Per sintetizzare elativamente al mondo Android sono state presentate alcune nuove API (interfacce di programmazione) ottimizzate per la gestione della location (permettere al dispositivo di sapere dove si trova geograficamente) e per comprendere se l’utente stia camminando, correndo o se si stia spostando in bici o in macchina.

Ci sono stati miglioramenti nelle API di Google Cloud Messaging e alcuni servizi, prima organizzati in librerie diverse, sono stati raggruppati all’interno di un modulo univoco che si chiama Google Play Services.

È stato poi presentato il nuovo IDE (Integrated Development Environment, ambiente integrato di sviluppo), che si chiama Android Studio e di cui relazionerò più avanti.

Per carità; tutte cose interessantissime e di valore tecnico indiscusso, ma sinceramente mi aspettavo qualcosa di più dopo un anno di lavoro da parte di una azienda come Google.

Capisco che non si possa sempre creare qualcosa di nuovo, ma anche le sessioni tecniche che hanno seguito il keynote non hanno restituito, francamente, cose considerevoli. Spero solo che si tratti della quiete prima della tempesta e che l’autunno ci porti nuove ed entusiasmanti novità, come Google ci aveva abituati in passato ad aspettarci. Magari con un Google Wallet più funzionante.

L'autore

  • Massimo Carli
    Massimo Carli, dopo essersi occupato per più di dieci anni di applicazioni enterprise in ambiente Java, nel 2003 ha iniziato a interessarsi alle applicazioni mobile, sviluppando per dispositivi Blackberry, iOS e Android. Ha lavorato come Software Engineer per Yahoo! e Facebook ed è attualmente Lead Mobile Engineer per Lloyds Banking Group.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.