Home
Un tribunale tedesco riconosce pieno valore legale alla licenza GPL

20 Maggio 2004

Un tribunale tedesco riconosce pieno valore legale alla licenza GPL

di

Il 14 aprile scorso un giudice tedesco ha emanato una sentenza destinata a diventare un manifesto del software libero. Il giudice ha constatato e punito la violazione, da parte di una società olandese, delle condizioni stabilite dalla licenza GPL di un software da questa utilizzato

La sentenza contribuisce indubbiamente a sconfermare quanti vedono nel software libero una zona franca, non regolamentata.

Il tribunale tedesco ha chiarito che software libero non è sinonimo di “software senza diritto”, essendo sottoposto a una licenza che attribuisce alle parti dei diritti e dei doveri: esattamente come tutte le altre licenze. La sua violazione deve, perciò, essere valutata sulla base della normativa vigente in materia di proprietà intellettuale.

La sentenza si è basata sulle caratteristiche stesse della licenza GNU GPL, evidenziando che, se da un lato questa prevede l’accesso illimitato al codice sorgente (a condizione di non alterarne la leggibilità) e il libero diritto di utilizzo; dall’altro stabilisce che il diritto di copia e di distribuzione tramite ogni mezzo può avvenire solo a condizione che venga inserita una menzione relativa al copyright del prodotto, siano lasciate inalterate tutte le notizie e i richiami alla licenza e venga distribuita sempre una copia della licenza, insieme al prodotto. Il diritto di procedere a modifiche del codice sorgente, poi, deve essere esercitato a condizione di annunciare la modifica e la sua data di realizzazione, in modo da tenere traccia dell’autore iniziale e della catena delle successive modifiche. Infine, il diritto di estrarre parti del software è condizionato al fatto che venga sottoposto alla stessa licenza dell’insieme di cui è parte.

L’universo Open Source

Il mondo del free software è diviso in due grandi realtà: da una parte l’Open Source Initiative (OSI), il ramo moderato, la cui filosofia si basa sulla coesistenza e la cui personificazione è rappresentata dal browser Mozilla. Per l’OSI è ammesso il miscuglio di generi, un software libero può sostenersi su un software proprietario e viceversa. L’altra realtà è rappresentata dalla Free Software Foundation (FSF), di Stallman. Qui non sono ammesse contaminazioni, free (cioè libero) deve essere solo free.

La FSF ha redatto le licenze GNU GPL (GNU General Public License) e GNU LGPL (GNU Lesser General Public License). Quest’ultima non va considerata come una mini licenza, o come una licenza secondaria; è semplicemente destinata a disciplinare altri tipi di prodotti, come le librerie e altri eseguibili che sono applicati a un contesto software più vasto.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.