Home
Un sito tedesco di hacker contro Bin Laden

12 Ottobre 2001

Un sito tedesco di hacker contro Bin Laden

di

Malgrado le raccomandazioni contrarie del governo e di esperti che parlano di “iniziative controproducenti”, alcuni pirati informatici, folgorati da uno zelante impeto di patriottismo, hanno dichiarato “guerra” a Bin Laden e alle sue reti.

Il celebre pirata informatico tedesco, Kim Schmitz ora riciclatosi nella sicurezza informatica, ha aperto un sito Internet destinato a reclutare altri pirati per seguire i fondi del terrorista arabo.

Sembra, come citano le agenzie, che si siano fatte vive già 34 persone di dieci paesi diversi, anche traduttori di arabo, per unirsi al gruppo battezzato “Young Intelligent Hackers Against Terror (YIHAT) che è già riuscito a trovare i conti bancari di Bin Laden in Sudan.

Il capo del gruppo, era stato condannato negli anni ’90 per essere penetrato nei sistemi informatici delle NASA e del Pentagono e, ora, offre 10 milioni di dollari di ricompensa a chi sia in grado di dare informazioni che possano portare alla scoperta del covo e all’arresto del terrorista.

L’iniziativa del teutonico pirata, non è la prima del genere.
Avevamo già raccontato del gruppo di pirati informatici americani che si sono chiamati “Dispatchers” e che hanno come obiettivo di colpire i siti Internet sospettati di essere legati a Bin Laden o al regime talibano.

I componenti questo gruppo affermano di essere riusciti a bloccare il sito del palazzo presidenziale afgano e alcuni siti iraniani e palestinesi.
“Siamo un gruppo di fan della sicurezza informatica – dichiarano – siamo indignati per gli atti di terrorismo che sono commessi ai nostri giorni”.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.