REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Un prodotto chiave. Anzi, chiavetta

23 Marzo 2012

Un prodotto chiave. Anzi, chiavetta

di

Un sogno affascinante: tutto il computing che ci serve in tasca, ingombrante quanto un odierno pen drive Usb.

Quanti di noi hanno sognato di poter usare uno smartphone come computer e svolgere gran parte del lavoro con un aggeggino che sta in una tasca? La mobilità tecnologica assoluta. Ma pensiamo a un passo ancora più in là: fare tutto grazie ad un dispositivo grande quanto una chiavetta di memoria.

Si chiama Cotton Candy ed è un microcomputer tascabile su cui far girare Android, Ubuntu e anche alcune versioni virtualizzate di Windows o OS X.

Cotton Candy

Connettività assicurata e dimensioni minuscole.

Grazie alla connettività WiFi e Bluetooth e alle due spine Usb 2.0 e Hdmi integrate è possibile collegarlo ad un televisore e ad una tastiera e utilizzarlo come un normale computer. Ha un gigabyte di Ram e grazie allo slot microSD può arrivare a 64 gigabyte di archiviazione dati: caratteristiche che in sostanza lo rendono equiparabile ad un portatile di pochi anni fa. Il prezzo: solo 189 euro (tasse escluse) sul sito del produttore.

L’idea è davvero forte e ci porta ad un livello di mobilità davvero impensabile solo qualche tempo fa. Ovviamente una soluzione come questa è figlia del successo dei sistemi open source nel mercato mobile (Android docet). Ed è anche la dimostrazione che l’evoluzione della tecnologia non va affatto ricercata nell’appesantire sempre più i sistemi operativi e nell’aggiungere applicazioni e funzioni, bensì nel trovare soluzioni davvero smart.

Se invece ci concentriamo su questo specifico caso, il gioco non è tanto fare la gara a chi inventa l’aggeggio più piccolo (basti vedere il mondo dei telefonini che ha registrato un’inversione di tendenza in fatto di dimensioni), quanto l’aggeggio più utile; l’essere anche piccolo è fondamentale ma rimane corollario dell’utilità (nonché della praticità d’uso e della versatilità).

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

L'autore

  • Simone Aliprandi
    Simone Aliprandi ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.