Home
Tuvalu festeggia l’indipendenza e Internet

06 Ottobre 2000

Tuvalu festeggia l’indipendenza e Internet

di

I 20 dall’indipendenza dell’arcipelago di Tuvalu sono state l’occasione per festeggiare la “manna” finanziaria arrivata grazie a Internet e alla vendita del loro nome di dominio.tv.

L’arcipelago di Tuvalu, piccolo stato del sud Pacifico, celebra questa settimana il ventesimo anniversario della sua indipendenza e festeggia il nuovo sviluppo economico grazie alla Rete.

L’anno scorso, infatti, Tuvalu ha venduto il suo suffisso “.tv” a una società informatica californiana, Idealab, per 50 milioni di dollari.
Tuvalu ne ha già incassati 19 di milioni di dollari che ha utilizzato per pagare le sue quote al Commonwealth e alle Nazioni Unite (sarebbe bene lo facessero anche gli Stati Uniti) e per rimettere in sesto la sua rete ferroviaria e finanziare gli studi nel paese e all’estero di alcuni cittadini.

Il primo ministro, Ionatana Ionatana, ha dichiarato che la popolazione beneficia in primis di questi soldi.
“Con i soldi ottenuti grazie alla vendita del nostro nome di dominio Internet – ha affermato – rendiamo la gente più felice”.

Prima di queste insperate entrate, il budget annuale di questo piccolo stato eccedeva raramente i 5 milioni di dollari.
“Raramente Internet ha avuto un tale impatto economico sullo sviluppo di un paese”, ha dichiarato Lou Kerner, uno dei responsabili della società californiana.

La società Idealab vende le immatricolazioni dei siti Internet “www.tv”, 50 dollari per anno, ma i nomi più ricercati sono messi all’asta.
Così, free.tv, china.tv e net.tv sono stati venduti, ognuno per 100 mila dollari, mentre baseball.tv ha spuntato 45 mila dollari, sexy.tv 25 mila dollari, joy.tv 2 mila dollari e death.tv 1.750 dollari.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.