RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Top Ten dell’e-commerce: torna il fattore clima tra i punti deboli dell’Italia

18 Maggio 2001

Top Ten dell’e-commerce: torna il fattore clima tra i punti deboli dell’Italia

di

Un'indagine targata META Group definisce una nuova classifica dei paesi in cui si sta realizzando il miglior business e-commerce. USA, Finlandia, Islanda, Canada e Olanda sono ai primi posti tra 47 paesi presi in considerazione.

L’indagine di Group META si intitola “The 2001 World E-Commerce and Internet Market Report (WECIM)” e misura il potenziale e le realizzazioni di 47 nazioni in materia di commercio elettronico sulla base di alcuni indicatori propri della new economy: quantità di transazioni finanziarie effettuate, livello culturale e scolastico, potenzialità del mercato, processi di globalizzazione, infrastrutture tecnologiche.

In tutti i paesi presi in considerazione l’e-business è comunque risultato un settore in crescita. Stati Uniti e Canada sono, come abbiamo detto, tra i migliori; per quanto riguarda l’Europa, l’indagine conferma la predominanza dei paesi nordici e in particolare scandinavi, dove il numero di transazioni è molto elevato, così come il livello culturale e le infrastrutture tecnologiche.

Buone le posizioni di Gran Bretagna, Francia e Germania, basse quelle di Italia, Spagna, Portogallo e Grecia. Ma ritorna anche nell’indagine di Meta Group il fattore condizioni climatiche come elemento di svantaggio per i paesi mediterranei. Clima, povertà, resistenza culturale all’information technology e scarsezza di venture capital sono i nostri punti deboli.

Parlando per l’Italia, stupisce il peso dato all’elemento povertà a un paese membro del G8 e stupisce anche la presunta resistenza culturale alle IT degli italiani, maggiori utilizzatori di cellulari in Europa. Tanto che Nokia ha scelto l’Italia per attuare alcune sperimentazioni Wap. Per commentare, poi, il fattore condizioni climatiche e l’impostazione stereotipata di alcune società di ricerca, rimandiamo all’articolo di Salvatore Romagnolo del 4 maggio 2001 che aveva già ampiamente e intelligentemente commentato una ricerca di Forrester Research che ci definiva svantaggiati a causa del tempo.

In Asia si trovano molti disequilibri tra paesi: se la Corea del Sud e la Malesia sono a un buon livello, altri paesi sono appena agli inizi, come anche alcuni stati sudamericani come Venezuela, Argentina, Colombia. Il Brasile, seppur arretrato, sta delineando invece un promettente futuro mercato e-commerce.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.