Home
Tecnologie traccianti nel Web sociale

29 Dicembre 2008

Tecnologie traccianti nel Web sociale

di

Venti minuti in podcast tra ritagli di carta e bit, in compagnia di un ospite. Oggi con Giorgio Jannis, semiologo ed esperto di culture digitali. Argomento della settimana il Web che cambia, sotto la spinta mutagena dei network sociali – dai blog sempre più "casa identitaria" ad un bisogno di alfabetizzazione e riaggregazione dei contenuti.

Le tecnologie connettive si evolvono verso una maggiore soddisfazione dei bisogni comunicativi e relazionali: dai blog – ormai diventati quasi dei dinosauri della Rete, anche se hanno acquisito delle caratteristiche connotanti e quasi “editoriali”, di point of presence identitario – ai social network generalisti come Facebook, vero fenomeno (italiano e non solo) del 2008. I social network hanno sparpagliato le tracce identitarie in giro per il Web, ma al contempo hanno consentito a molte persone di avere accesso alla Rete sociale, nave-scuola più o meno consapevole. Manca ancora una condivisione della cultura, delle competenze e delle grammatiche digitali acquisite finora, che permettano la piena abitanza digitale – anche delle giovanissime generazioni. O una più comprensibile riaggregazione delle informazioni, delle conversazioni e delle identità più o meno disperse. Di questo e parliamo con Giorgio Jannis, semiologo ed esperto di culture digitali, fondatore dell’associazione NuoviAbitanti.

Articoli segnalati e risorse:

L'autore

  • Antonio Sofi
    Antonio Sofi è autore televisivo e giornalista. Consulente politico e sociologo della comunicazione, ha un blog dal 2003 ed è esperto di social network e nuovi media.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.