Risparmia il 20% su tutti i corsi

Iscriviti con il codice sconto 1POSTOALSOLE, ma attenzione: può essere usato solo 50 volte

Approfittane subito
Home
Tecnologia di passaggio

25 Ottobre 2012

Tecnologia di passaggio

di

Chiaro che Internet rompa equilibri consolidati. Meno chiaro che la resistenza al cambiamento possa essere a priori.

Un classico di questi tempi: nasce un servizio Internet dall’effetto dirompente su un’organizzazione di altri tempi che resiste al cambiamento per non perdere i privilegi acquisiti.

Succede anche negli Stati Uniti, dove Uber, servizio di prenotazione via smartphone di corse automobilistiche private, ha deciso di espandere il servizio anche alla chiamata di taxi, ma a New York ha dovuto sospenderlo. Lo spiega l’azienda nel proprio blog:

Sfortunatamente, come molti hanno notato, non ci sono stati abbastanza TAXI disponibili. La domanda ha surclassato l’offerta. […] Abbiamo fatto del nostro meglio per avere più auto gialle in strada, ma la Taxi and Limousine Commission ha messo i bastoni tra le ruote per sabotare il successo dell’e-chiamata, pur avendo dichiarato in privato che le regole lo consentono. Ci morderemo la lingua e terremo per noi la nostra frustrazione.

L’e-taxi ha avuto problemi analoghi in altre città. A Chicago le aziende di taxi hanno fatto causa a Uber sulla ripartizione delle mance (le aziende di taxi, non i tassisti) e lo Stato della California ostacola il lavoro di altre due startup simili, Lyft e Sidecar.

Scenario molto tipico: un mercato dove sussistono condizioni di monopolio in cui all’improvviso arriva la Rete, con effetto dirompente. Sembra anche uno scenario molto italiano, per chi ricorda i mali di pancia legati alla sedicente liberalizzazione dei taxi di un paio di anni fa. Con la differenza che l’ufficio del sindaco di New York ha risposto in questo modo:

Se a febbraio 2013 i servizi come Uber avranno mano (più) libera a New York, dovremo desumerne che i problemi non sono la dirompenza di Internet o la resistenza al cambiamento, ma l’efficacia con la quale si discerne tra innovazioni utili e problemi da evitare e la tempestività con la quale i servizi si adeguano ai cambiamenti ritenuti positivi.

In altre parole, discutiamo del buono e del cattivo che porta Internet. Ma la discussione deve durare un tempo ragionevole e, quando vince Internet, portare a un pronto cambiamento.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.