RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Supporti ottici per la conservazione dei documenti digitali

22 Novembre 2001

Supporti ottici per la conservazione dei documenti digitali

di

Uno schema di deliberazione dell'Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione disciplina le modalità con le quali i documenti delle amministrazioni pubbliche e dei privati potranno essere conservati su supporto ottico

Le regole tecniche per la riproduzione e conservazione dei documenti su supporto ottico, idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali, contenute nello schema di deliberazione approvato dall’Aipa lo scorso 17 ottobre, sostituiranno interamente – subito dopo la pubblicazione della deliberazione – le precedenti disposizioni contenute nelle deliberazioni 28 luglio 1994, n. 15 e 30 luglio 1998, n. 24.

L’Aipa, ai sensi dell’art. 6, 1° e 2° comma, del Testo Unico sulla documentazione amministrativa, d.p.r. 445/00, si propone di semplificare le modalità di conservazione dei documenti digitali e di quelli analogici, mediante memorizzazione su supporto ottico, fermo restando che, qualora non vi siano ragioni contrarie, le pubbliche amministrazioni e i privati possono utilizzare un qualsiasi supporto di memorizzazione, idoneo a garantire la conformità all’originale.

Il procedimento di conservazione su supporto ottico – che si conclude, in ogni caso, con l’apposizione del riferimento temporale e della firma digitale – si svolge con modalità in parte diverse, a seconda che abbia a oggetto documenti digitali – comprensivi dei documenti informatici – ottenuti attraverso un processo di elaborazione elettronica, o documenti analogici, comprendenti sia i documenti cartacei, sia i nastri audio o video tradizionali.

Il documento conservato, inoltre, in base all’art. 6 della deliberazione, deve essere reso leggibile in qualunque momento presso il sistema di conservazione, deve essere reso disponibile, a richiesta, su supporto cartaceo, e può essere esibito anche per via telematica.

L’art. 5 disciplina, invece, le funzioni del responsabile del processo di deliberazione, che deve, tra l’altro, sovrintendere all’organizzazione e alla gestione del sistema di archiviazione, nonché alla verifica e alla sicurezza di tutta la procedura.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.