Home
Studiosi americani chiedono che Internet sia inserita nella tabella degli stupefacenti

16 Marzo 2000

Studiosi americani chiedono che Internet sia inserita nella tabella degli stupefacenti

di

Internet come una droga pesante? Sembrerebbe di sì, vista la volontà di un istituzione privata norvegese specializzata nel trattamento delle dipendenze (finora curava tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d’azzardo incalliti), di aprire un reparto per i “drogati” da Internet.

La Fondazione Renaavanen (che realizzerà questo “reparto”) ha sentito l’esigenza di occuparsi di questo fenomeno, dopo le crescenti richieste di genitori allarmati, in cerca di aiuto per recuperare i figli “rapiti” dalla Rete delle reti.

“L’uso eccessivo di Internet – ha dichiarato all’Ansa il direttore del progetto, Flynn Gyllenstom – può creare comportamenti antisociali e sdoppiamento di personalità”. Insomma, l’abuso di chat, i canali di chiacchiere attraverso lo schermo del computer – spiega il direttore del progetto – impedendo il contatto fisico con gli altri “produce una grande solitudine e individui asociali”.

Il rischio è che i “chatters” sviluppino personalità schizoidi (realizzando una sorta di immagine idealizzata di se stessi) e finiscano per vivere in un mondo irreale, perdendo progressivamente il contatto con la propria identità.

Parallelamente, studi americani hanno dimostrato che Internet potrebbe “desocializzare” gli individui, rendendoli irritabili e sofferenti di insonnia.
A questi problemi di natura psicologica, poi, si aggiungono problemi fisici: disturbi agli occhi dovuti al lungo tempo passato davanti ad uno schermo, artrosi dei polsi provocati dalle tastiere e rischi di epilessia dovuti ai giochi.

Questi studi, inoltre, portano i curatori alla conclusione di domandarsi perché la “droga” Internet non è classificata nella tabella degli stupefacenti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.