Home
Steve Case si salva in consiglio di amministrazione

24 Settembre 2002

Steve Case si salva in consiglio di amministrazione

di

Questa volta Cesare (Steve Case) ha evitato le pugnalate. Il consiglio di amministrazione di AOL Time Warner ha conservato il posto al suo presidente.

“Come abbiamo ripetuto a più riprese – ha dichiarato un portavoce alla fine del consiglio di amministrazione – Steve Case è il presidente del consiglio di amministrazione e ci resta”.

Era stata la stampa a riportare rumors su una pressione sempre più forte esercitata su Steve Case perché lasciasse il suo posto, reo di essere stato l’artefice della megafusione tra AOL e Time Warner.

Dal 31 dicembre del 2001, infatti, l’azione di AOL TW aveva perso il 60 % del suo valore.

Un fatto che aveva irritato fortemente soprattutto gli investitori istituzionali che avevano sobillato una rivolta dei direttori dell’azienda e tentato un colpo di mano in consiglio.
Ma Steve Case ha resistito, grazie anche al regolamento del consiglio di amministrazione.

Infatti, gli bastavano 3 voti favorevoli su 14 consiglieri per conservare posto, potere e stipendio.

A metà luglio (questo spiega il perché si siano coalizzati molti direttori), il gruppo aveva proceduto a una profonda ristrutturazione, relegando di fatto AOL a semplice divisione, dando la predominanza agli uomini della Time Warner per la conduzione degli affari del gruppo.

Adesso, dopo la partenza forzata dell’ex numero due, Robert Pittman, AOL TW è nelle mani del nuovo direttore generale, Jonathan Miller.
A lui il compito di tirare fuori dalle secche il gruppo e rispondere all’inchiesta federale sui passati bilanci di AOL TW.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.