Home
Stampa al sangue

31 Marzo 2014

Stampa al sangue

di

Ovvero di come le stampanti possano ricostruire tessuti biologici, sangue compreso e aprire prospettive mediche inedite.

Solamente negli Stati Uniti sono circa 120 mila persone ad aspettare un trapianto di organo. Sofferenze che potrebbero essere alleviate da organi artificiali, in tutto e per tutto simili a quelli di cui ci ha dotato madre natura.
Che le stampanti siano un mezzo adatto allo scopo l’hanno già dimostrato i ricercatori dell’Università di Cambridge, i quali senza scomodare apparecchi tridimensionali hanno caricato una normale stampante a getto d’inchiostro con cellule isolate dalla retina di un ratto adulto. Opportunamente spruzzate tramite una testina di stampa modificata, dovrebbero consentire la ricostruzione della retina nei pazienti affetti da maculopatie gravi, ridando la vista.

Retina in inchiostro

Ricostruire la retina con l’inchiostro.


Con le stampanti 3D, capaci di creare oggetti tridimensionali, le prospettive si allargano notevolmente. Padiglioni auricolari, protesi scheletriche, falangi e trachee sono solamente alcuni dei pezzi realizzati e più o meno sostitutivi degli originali, perlomeno fino a che devono avere una funzione puramente strutturale, senza le attività biologiche tipiche di un vero tessuto umano.
All’Università di Harvard hanno creato di più. Con quattro testine comandate da un opportuno microcontrollore sono riusciti a sovrapporre degli inchiostri speciali denominati bio-ink, alcuni dei quali con l’inusuale capacità di fondere raffreddandosi così da costruire, tramite specifici passaggi, tubetti contenenti cellule sanguigne sovrapposti ad altri tessuti contenenti cellule di altro tipo, per esempio epiteliali. In parole povere: sono capaci di ricostruire la pelle irrorata di sangue e molti altri organi. Spiega Don Ingber, il direttore del dipartimento della ricerca suddetta:

La capacità di formare reti vascolari funzionali nei tessuti 3D prima dell’impianto permette non solo di creare tessuti spessi, ma offre la possibilità di collegare chirurgicamente queste reti alla vascolarizzazione naturale per facilitare l’immediata perfusione del tessuto impiantato, così da aumentarne notevolmente l’attecchimento e quindi la sopravvivenza.

Un salto di qualità che consentirà anche di studiare l’effetto dei farmaci su particolari cellule del nostro corpo, inserite nel loro ambiente naturale, ma stampato artificialmente. Roba da fantascienza? Assolutamente no. Roba da maker, bio.

Orecchio stampato in 3D

Sulle stampanti 3D si sente di tutto.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.