FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Spore, il fallimento del Drm

17 Settembre 2008

Spore, il fallimento del Drm

di

Quel che si dice in Rete. L'ultima creatura del genio dei videogiochi Will Wright raccoglie numerose critiche, soprattutto a causa di un sistema di protezione particolarmente descrittivo che fa migrare i giocatori verso soluzioni alternative. Ma a quanto pare anche lo stesso gioco non convince

Spore, il nuovo, attesissimo gioco di Will Wright è finalmente uscito. Il simulatore di evoluzione sembra però soffrire di alcuni problemi legati alla natura del sistema di Digital Rights Managementm che Electronic Arts ha deciso di abbinare al prodotto. Tommaso Sorchiotti commenta la scelta, osservando come questa non abbia pagato. Le tre attivazioni permesse per il gioco, racconta Giordano Settimo, hanno fatto alterare molti giocatori, che hanno risposto con valutazioni bassissime sui siti di e-commerce come Amazon. Gamesblog porta alcuni numeri che dimostrano come Spore sia uno dei giochi più piratati di tutti i tempi. Colpa del DRM? Secondo Dave Winer qualche dubbio c’è, ma resta il fatto che a causa dei problemi per utilizzare il prodotto, le persone più penalizzate siano proprio quelle che lo hanno regolarmente acquistato. Torrentfreak è invece sicuro: il Drm è l’unico responsabile dell’enorme successo di spore sui circuiti P2P.

Ma in tutto questo, com’é il gioco? A quanto pare non eccezionale. ReadWriteWeb ospita una poco lusinghiera recensione, bollando come «all hype» la creatura di Will Wright, mentre Big Download Blog ospita una recensione per immagini che spiega i dieci motivi per evitarlo. Inutile dire che il Drm rimane saldo al primo posto.

Gli altri temi del giorno:

Tambu intervista il professor Armando dell’Università di Genova, che con il suo team ha scoperto una falla di sicurezza in Google.

Come riuscire a coniugare le differenze tra la scrittura per la carta e quella per il web? Mario Tedeschini Lalli parte da un commento di Brian Storm per proporre una soluzione.

Tiziano Fogliata racconta di Ubisafe, un prodotto per la geolocalizzazione che potrebbe diventare l’incubo degli adolescenti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.