REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Spamming: il Parlamento europeo cambia ancora posizione e sceglie l’opt-in

07 Giugno 2002

Spamming: il Parlamento europeo cambia ancora posizione e sceglie l’opt-in

di

Gli emendamenti adottati recentemente dall'Europarlamento, al testo della direttiva approvata dal Consiglio dei ministri europei sulla protezione dei dati personali riaffermano il principio della necessità del consenso preventivo del destinatario per l'invio di messaggi commerciali

I messaggi pubblicitari potranno essere inviati all’interno dello spazio europeo, tramite posta elettronica, sistemi telefonici automatizzati, fax o sms, soltanto dopo aver ottenuto preventivamente il consenso del destinatario.

Il Parlamento europeo ha, infatti, modificato il proprio precedente orientamento, confermando invece la posizione già espressa dal Consiglio dei ministri, e ha introdotto, lo scorso 30 maggio, una serie di emendamenti al testo della direttiva sulla protezione dei dati personali e della vita privata – approvata dal Consiglio dei ministri europei il 6 dicembre 2001 – che presuppongono l’adozione del sistema dell’opt-in per l’invio di comunicazioni non richieste a fini pubblicitari.

La scelta tra i due sistemi alternativi dell’opt- in e dell’opt-out (cioè della possibilità per il destinatario di rifiutare, successivamente al primo contatto, l’invio di ulteriori messaggi) non sarà, perciò, rimessa ai singoli Stati, come era stato precedentemente stabilito.

L’adozione dell’opt-in sarà, invece, obbligatoria per tutti i Paesi europei e servirà a proteggere gli internauti dallo spamming all’interno di tutto lo spazio comunitario, fermo restando che nulla potrà la direttiva contro chi opera al difuori dell’Unione.

Il consenso del destinatario non sarà, però, necessario in tutti i casi in cui egli abbia già acquistato un prodotto o un servizio da un’azienda e quest’ultima gli proponga altri prodotti dello stesso genere.

Tutte le altre forme di utilizzazione dei dati personali saranno possibili solo dopo che l’internauta sia stato chiaramente e distintamente informato in merito alle modalità di raccolta delle informazioni per via elettronica e alle finalità del trattamento.

La direttiva – che interviene anche su altri importantissimi aspetti della privacy, dei quali si parlerà nei prossimi giorni – dovrà essere approvata definitivamente dal Consiglio e verrà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale delle Comunità europee presumibilmente verso la fine di luglio.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.