Home
Slate cresce e insegue Salon

04 Ottobre 1999

Slate cresce e insegue Salon

di

In netto rialzo il seguito ottenuto recentemente da Slate, il magazine culturale online della scuderia Microsoft. Lo scorso febbraio era tornato ad essere “free”, dopo aver tentato invano la carta dell’abbonamento a pagamento, instaurata a marzo ’98, che aveva fruttato appena 30.000 paganti. Come prima conseguenza si è passati dai 225.000 visitatori unici di gennaio ai 916.000 di maggio, mentre sono decollati alla grande gli introiti pubblicitari. Tra aprile e giugno si è raggiunto il medesimo incasso dei nove mesi precedenti, con 14 nuovi inserzionisti e contratti già firmati per un valore totale pari a 2 milioni di dollari.

Sul fronte dei contenuti, Slate si avvale ora di 22 giornalisti, con editor sparsi tra la sede-madre a Redmond, oltre che a Los Angeles, New York e Washington, D.C. Quasi tutto il lavoro di redazione viene svolto via e-mail, con la tendenza a pubblicare articoli più brevi ma di maggior frequenza. Con il direttore, l’aggressivo Michael Kinsley sempre più convinto della necessità di continuare in simili esperimenti a tutto campo, nella corsa al primato delle riviste culturali sul Web ingaggiata con l’eterno rivale Salon.com

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.