Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Si moltiplicano negli USA i progetti di legge riguardanti Internet

19 Febbraio 2002

Si moltiplicano negli USA i progetti di legge riguardanti Internet

di

Secondo uno studio realizzato da un istituto americano, lo scorso anno sono stati presentati al Congresso più di 500 progetti di legge in materia di nuove tecnologie. Gli operatori sperano che prevalgano i disegni di legge che regolano il settore in modo meno restrittivo.

Più del 10% del numero complessivo dei disegni di legge presentati davanti al Congresso degli Stati Uniti d’America lo scorso anno riguarda il settore delle nuove tecnologie.

È questo uno dei dati più importanti che emergono da uno studio presentato il 4 febbraio 2002 dal CATO Institute, un organismo americano indipendente, costituito principalmente da rappresentati dal mondo dell’imprenditoria, che si occupa di studiare l’andamento delle politiche pubbliche.

I circa 500 progetti di legge che mirano a regolamentare lo sviluppo della Rete Internet e dei sistemi informatici, sono, secondo quanto si legge nella relazione dell’istituto americano, una conseguenza dell’importanza sempre crescente che hanno assunto le nuove tecnologie in tutti i settori della società statunitense.

Dall’esame delle diverse proposte legislative emergono, però, sostanzialmente due diversi orientamenti di carattere generale: uno più restrittivo che mira a regolare e a sottoporre a un severo controllo ogni attività che venga svolta nel cyberspazio, e un altro, più in linea con le aspettative di chi concretamente opera online, che tende a disciplinare soltanto i grandi nodi del settore e a lasciare all’autonomia privata la definizione degli aspetti più specifici e concreti.

Alcuni temi comuni a quasi tutti i progetti, poi, sono quelli relativi alla disciplina dell’accesso a Internet, alle misure per garantire la sicurezza delle transazioni e delle comunicazioni, alla tassazione del commercio elettronico e alla disciplina dei brevetti per i software.

La maggiore preoccupazione espressa dai responsabili del CATO riguarda l’eventualità che prevalga un modello di normativa che, in funzione della tutela di un interesse di carattere generale, imponga agli operatori delle regole eccessivamente rigide e invasive.

Il CATO auspica, invece, che l’intervento del governo federale sia minimo e che il cyberspazio possa continuare a svilupparsi con una certa libertà.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.