Home
Second Life vieta i servizi finanziari

11 Gennaio 2008

Second Life vieta i servizi finanziari

di

Linden Lab, dopo il divieto di gioco d'azzardo, ha deciso di mettere al bando i servizi finanziari

La proprietà di Second Life, martedì scorso, ha annunciato in un comunicato la prossima messa al bando di servizi bancari e finanziari virtuali. «Dal 22 gennaio 2008 sarà proibito distribuire interessi come frutto di investimenti (sia in Linden dollar che altra valuta) tramite ogni postazione, come ad esempio ATM (Bancomat), presente su Second Life…», si legge nel comunicato.

L’iniziativa è una diretta conseguenza del crescente numero di truffe. Come ha sottolineato Ken Linden, creatore di Second Life, non era più possibile proteggere al meglio gli utenti da eventuali operazioni illecite. Nessuno ha infatti dimenticato il fallimento estivo della banca virtuale Ginko Financial, che ha fatto svanire nel nulla i 200 milioni di Linden dollar (circa 750 mila dollari reali) dei suoi clienti-avatar.

«Sono contento di non essere caduto in questa trappola, ma molti residenti stanno per pagarne le conseguenze, quindi Linden Lab forse dovrebbe bloccare i conti di questi banchieri e pensare a qualche soluzione. L’ammontare dei soldi (veri) è piuttosto alto e sarebbe triste vedere queste persone andar via con milioni di dollari», si legge su un post al comunicato di Linden Lab.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.