OFFERTA DEL GIORNO

Marketing in un mondo digitale in ebook a 4,99€ invece di 14,99€

Risparmia il 67%
Home
Rivoluzione Swift

06 Giugno 2014

Rivoluzione Swift

di

Da questa edizione del convegno mondiale degli sviluppatori Apple sono arrivate notizie non comuni, come un nuovo linguaggio.

Dal recente Worldwide Developer Conference – WWDC – non sono arrivate le novità relative all’hardware che molti si aspettavano – niente iPhone 6 per intenderci – ma tante nuove funzionalità per i sistemi operativi OS X e iOS.

Nel giro di pochi minuti, una Apple baldanzosa come mai nel recente passato ha sbeffeggiato i suoi competitor e ha sostanzialmente inglobato feature sufficienti per far chiudere almeno una mezza dozzina di aziende. Questa attitudine di Apple a tratti quasi gradassa – in particolare di Craig Federighi, responsabile dello sviluppo software – non è certo passata inosservata nella Twittersphere.

Il punto più alto è arrivato con l’annuncio di Swift, un nuovo linguaggio di programmazione  pensato per sviluppare applicazioni per iOS e OS X, con l’obiettivo di mandare in pensione Objective-C, che è stato per molti sviluppatori una barriera tecnica insormontabile.

Al di là dell’annuncio, l’idea principale che sta dietro Swift è stata esplicitata durante il Platform State of the Union. Il quadrante magico che Andreas Wendker – vice president OS X platform experience – mostra durante la sua presentazione racchiude in sé la vera motivazione di Swift: consegnare agli sviluppatori un linguaggio che li renda più produttivi o, per dirla alla Yukihiro “Matz” Matsumoto, più felici senza rinunciare alle performance. La misura di quanto questa innovazione fosse attesa è data dai 370 mila download avvenuti nel primo giorno della pubblicazione della guida di Swift.

Il quadrante magico di Gartner offre una visione qualitativa e grandangolare del posizionamento nel mercato di player tecnologici.

Il quadrante magico di Gartner offre una visione qualitativa e grandangolare del posizionamento nel mercato di player tecnologici.

Swift ingloba molte caratteristiche dei linguaggi più moderni come Javascript, Haskell, Rust o Ruby (quest’ultimo peraltro posizionato non a caso come il più performante nel quadrante dei linguaggi ad alta produttività). Era tempo di liberare gli sviluppatori del fardello di un linguaggio sicuramente interessante come Objective-C, ma datato, prolisso e decisamente troppo complicato per chi ad esempio proviene dal mondo dello sviluppo di applicazioni per il web.

Un nuovo approccio

Apple non propone solo un linguaggio più moderno: si spinge fino a individuare un approccio totalmente nuovo alla programmazione. Chris Lattner, creatore di Swift, racconta così le nuove funzionalità introdotte in Xcode 6:

La funzione Playgrounds e il read-eval-print loop, REPL, di Xcode erano una mia passione personale, per rendere la programmazione più interattiva e avvicinabile. I team Xcode e LLDB hanno svolto un lavoro fenomenale nel trasformare idee pazze in qualcosa di proprio grande. I Playgrounds sono stati fortemente influenzati dalle idee di Bret Victor, da Light Table e da molti altri sistemi interattivi. Spero che nel rendere la programmazione più approcciabile e divertente avremo il gradimento della prossima generazione di programmatori e aiuteremo a ridefinire l’insegnamento della Computer Science.

Padrona di un ecosistema già fortissimo, Apple con Swift rischia di sbaragliare i concorrenti portandogli via in massa gli sviluppatori, già affaticati dal problema della frammentazione di Android e dalla mancanza di un vero marketplace per Windows Phone.

Google, dalla sua, ha in casa linguaggi altrettanto moderni e attraenti come Go e Dart. Non gli rimane che capire quando disfarsi di Java, al fine di migliorare la produttività (e la felicità) degli sviluppatori Android. Solo così potrà rispondere alla rivoluzione annunciata da Swift.

L'autore

  • Andrea C. Granata
    Andrea C. Granata vanta oltre 25 anni di esperienza nel mondo dello sviluppo software. Ha fondato la sua prima startup nel 1996 e nel corso degli anni si è specializzato in soluzioni per l'editoria e il settore bancario. Nel 2015 è entrato a far parte di Banca Mediolanum come Head of DevOps, ruolo che oggi ricopre per LuminorGroup.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.