Home
Rinvio di una settimana per il processo Microsoft

11 Marzo 2002

Rinvio di una settimana per il processo Microsoft

di

Spostato l’inizio del processo contro Microsoft. L’azienda ha ottenuto un rinvio di una settimana.

Una proroga che dovrà servire al gruppo per apportare il tocco finale alla difesa contro i nove Stati americani che chiedono sanzioni più severe, rispetto a quelle concordate nell’accordo amichevole tra Microsoft e governo americano.

Dunque, il processo che avrebbe dovuto iniziare oggi, slitta di una settimana, cioè il 18 marzo, sempre a Washington.
Questo processo prevede di durare da 6 a 8 settimane e potrebbe portare a sanzioni supplementari contro Microsoft, riconosciuta colpevole di pratiche monopolistiche nei precedenti giudizi di primo grado e appello.

Il ritardo di una settimana, concesso dalla giudice Colleen Kollar-Kotelly e che corrisponde a meno della metà di quanto richiesto dall’azienda, servirà a quest’ultima per studiare le modifiche, “sostanziali” secondo il giudice, apportate dai nove Stati ancora in processo (California, Connecticut, Florida, Iowa, Kansas, Massachusetts, Minnesota, Utah e Virginia occidentale) alle loro richieste di sanzioni.

Il punto di vista da cui parte l’accusa è che l’accordo amichevole non andrebbe lontano in quanto a correggere le pratiche monopolistiche del gruppo e contiene troppe falle.
Falle che consentirebbero a Microsoft di sfuggire ad alcuni obblighi e condurre a nuove liti giudiziarie.

Microsoft controbatte dicendo che in realtà, tutte queste cause intentate contro di lei servirebbero solo gli interessi commerciali dei concorrenti.

Il riferimento è a gruppi come AOL Time Warner e Sun che hanno depositato cause contro Microsoft separatamente.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.