FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Registrazione telematica dei contratti d’affitto: dal 1° marzo scatta l’obbligo per chi possiede almeno 100 unità immobiliari

31 Gennaio 2002

Registrazione telematica dei contratti d’affitto: dal 1° marzo scatta l’obbligo per chi possiede almeno 100 unità immobiliari

di

Una circolare dell'Agenzia delle Entrate completa la disciplina in materia di registrazione telematica dei contratti di locazione. L'entrata in vigore dell'obbligo per i possessori di almeno 100 unità immobiliari è stata rinviata al 1° marzo 2002

In considerazione dell’impatto che gli adempimenti previsti dall’art. 5 del d.p.r. 5 ottobre 2001, n. 404 hanno prodotto in termini di organizzazione e adeguamento dei sistemi informativi, la registrazione online dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili diventerà obbligatoria, per i possessori di almeno 100 unità immobiliari, solo a partire dal 1° marzo 2002 e non, com’era originariamente previsto, dal 1° gennaio.

Questa è una delle più rilevanti disposizioni contenute nella circolare 7 gennaio 2002, dell’Agenzia delle Entrate, che è intervenuta a completare il quadro normativo costituito dal d.p.r. 5 ottobre 2001, n. 404 – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 267, del 16 novembre 2001, e di cui si è già parlato in questa rubrica – e dal decreto direttoriale 12 dicembre 2001, dell’Agenzia delle Entrate, di cui si è già trattato in precedenza.

In base alle norme attualmente in vigore, infatti, la procedura telematica, che sostituisce i quattro passaggi attualmente previsti (suddivisi tra uffici del registro e sportelli bancari) per la registrazione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili, può essere utilizzata da tutti gli utenti interessati – non solo dai “grandi contribuenti” – già dal 1° gennaio 2002, in alternativa al metodo tradizionale.

La registrazione può essere effettuata, direttamente o tramite gli intermediari abilitati, utilizzando il servizio “Entratel”.

La circolare precisa, inoltre, che per il versamento delle imposte non è più possibile servirsi del RID, ma è necessario effettuare il pagamento attraverso il modello F24 telematico, per il quale occorre essere titolari di un conto corrente presso uno degli Istituti di credito convenzionati, l’elenco dei quali è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.